Tari: diramate dal Mef le Linee-guida sull’applicazione dei “costi standard”

Tari: diramate dal Mef le Linee-guida sull’applicazione dei “costi standard”

Sono state pubblicate sul sito web istituzionale del Mef le Linee Guida sull’applicazione dei “costi standard” nella determinazione delle tariffe Tari. L’applicazione dei predetti costi, prevista dall’art. 1, comma 653, della Legge n. 147/13 (“Legge di stabilità 2014”), è stata oggetto di proroga fino all’anno 2017, per cui “a partire dal 2018, nella determinazione dei costi di cui al comma 654, il Comune deve avvalersi anche delle risultanze dei fabbisogni standard”; pertanto, le predette Linee sono state elaborate al fine di fornire chiarimenti sulla corretta modalità di calcolo degli stessi.

In via preliminare, il

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Entrate patrimoniali: quali passaggi deve adottare la Provincia nei confronti del Comune nella riscossione coattiva?

di Alessandro Maestrelli e Stefano Ciulli Il testo del quesito: “Se l’atto propedeutico alla riscossione delle entrate patrimoniali resta la

Rti: la dichiarazione di impegno è elemento essenziale dell’offerta e non è modificabile con il “soccorso istruttorio”

Nella Delibera n. 118 del 10 febbraio 2021 dell’Anac, una Società (seconda classificata nella procedura per il completamento, riqualificazione e

Comuni, Province e Città metropolitane: emanato il Dm. sul monitoraggio del “Pareggio di bilancio 2017”

È stato pubblicato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze sul proprio sito internet istituzionale il Decreto Mef-RgS–Igepa n. 138205 del