Tari: il Comune non può fissare un limite massimo alla riduzione tariffaria

Tari: il Comune non può fissare un limite massimo alla riduzione tariffaria

Nella Sentenza n. 585 del 29 gennaio 2018 del Consiglio di Stato, un Comune ha approvato il Regolamento recante la disciplina dell’Imposta comunale unica, che viene impugnato perché ritenuto illegittimo sotto diversi profili. I Giudici rilevano che la fattispecie in esame deve essere esaminata alla luce della dedotta violazione dell’art. 238, comma 10, del Dlgs. n. 152/206, in base al quale “alla tariffa è applicato un coefficiente di riduzione proporzionale alle quantità di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero mediante attestazione rilasciata dal soggetto che effettua l’attività di recupero dei rifiuti stessi”.

Secondo i Giudici, come emerge dal tenore letterale della norma, la “riduzione” deve essere “proporzionale” alla quantità di rifiuti derivanti da utenze non domestiche che il produttore dimostri di aver autoriciclato.La fissazione di un limite massimo alla riduzione tariffaria, non previsto dal Legislatore, altera il criterio di proporzionalità e non è quindi consentita.


Related Articles

Farmacia: l’entrata finanziaria derivante dall’alienazione dev’essere contabilizzata nella gestione in conto capitale

Un Sindaco ha posto alla Corte dei conti Lombardia un quesito del seguente tenore: “un Comune titolare di un diritto

Sentenza esecutiva a carico di un Comune: la Corte chiude alla possibilità di rateizzare il debito per oltre 3 anni

Nella Delibera n. 278 del 29 ottobre 2014 della Corte dei conti Lombardia, un Comune chiede un parere per 2

Province: i corrispettivi percepiti per i servizi di gestione delle paghe di Comuni e Consorzi di Comuni sono soggetti ad Iva ?

Il quesito: “In quanto Provincia chiediamo un parere circa l’applicazione dell’Iva su un’attività/servizio che rendiamo ad un Comune e ad