Tari: istituiti i codici tributo del Tefa per il versamento tramite Modelli “F24”

Tari: istituiti i codici tributo del Tefa per il versamento tramite Modelli “F24”


È stata pubblicata sul sito web istituzionale dell’Agenzia delle Entrate la Risoluzione 18 gennaio 2021 n. 5/E rubricata “istituzione dei codici tributo per il versamento, tramite modelli F24 e F24 “enti pubblici” (F24 EP), del tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente (TEFA), di cui all’articolo 19 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504 e dei relativi interessi e sanzioni”.

La Risoluzione istituisce i codici tributo per il versamento tramite i Modelli “F24” e “F24-EP” del Tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente (Tefa), istituito dall’art. 19, del Dlgs. n. 504/1992, il quale viene riscosso unitamente alla Tari e alla tariffa corrispettiva.

In via preliminare, l’Agenzia ricorda che dal 1° giugno 2020 la struttura di gestione dell’Agenzia delle Entrate provvede al riversamento diretto del tributo spettante alla Provincia o Città metropolitana competente per territorio,

Con l’art. 2, comma 3, del Dm. Mef 1° luglio 2020 è stato disposto che per l’annualità 2021 e successive il Tefa e gli eventuali interessi e sanzioni dovranno essere versati utilizzando appositi codici tributo. La struttura di gestione provvederà al riversamento alla Provincia o Città metropolitana competente degli importi incassati con codici tributo in parola.

Pertanto:

– per gli anni di imposta fino al 2020, i versamenti del Tefa e della Tari sono effettuati cumulativamente utilizzando esclusivamente i codici tributo relativi alla Tari e alla tariffa avente natura corrispettiva;

– per gli anni d’imposta 2021 e successivi, gli importi dovuti a titolo di Tefa sono versati dai contribuenti, secondo quanto indicato dai Comuni, distintamente dagli importi dovuti a titolo di Tari, utilizzando i seguenti codici tributo:

  • TEFA” denominato “TEFA – tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente”;
  • TEFN” denominato “TEFA – tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente – interessi”;
  • TEFZ” denominato “TEFA – tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente – sanzioni”.

Tali codici possono essere utilizzati anche per il versamento di quanto dovuto a seguito dell’attività di accertamento.

In sede di compilazione del Modello “F24”, i suddetti codici tributo sono esposti nella sezione “Imu e altri tributi locali”.

_____________________________________


Related Articles

Certificazione rendiconto di bilancio 2018: in arrivo la proroga al 31 luglio 2019 per gli Enti colpiti dal sisma del Centro Italia

Il termine per l’invio dei Modelli di certificazione del rendiconto al bilancio 2018 da parte degli Enti delle Regioni Abruzzo,

Disciplina delle pubbliche affissioni: vi sono soggetti anche i manifesti a contenuto sociale o istituzionale

Nella Sentenza n. 22361 del 22 ottobre 2014 della Corte di Cassazione, un soggetto con ricorso propone opposizione avverso il

“Sprar”: assegnate le risorse per la prosecuzione dei progetti

Con Decreto 20 dicembre 2016, il Ministero dell’Interno ha assegnato le risorse agli Enti Locali titolari di un Progetto del

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.