Tari: la quota fissa non deve essere cancellata dallo smaltimento autonomo dei rifiuti

Tari: la quota fissa non deve essere cancellata dallo smaltimento autonomo dei rifiuti

Nella Sentenza n. 600 del 15 maggio 2017, il Tar Torino si esprime sul caso di una Società che conduce un’attività di “import-export” di prodotti caseari e proteici e derivati. Dall’attività derivano rifiuti speciali, che vengono smaltiti a proprie spese, in conformità alla normativa di Settore.

La Società propone ricorso avverso la Delibera comunale in materia di Tassa rifiuti, nella parte in cui dà un’interpretazione autentica di un articolo del Regolamento comunale. Tale disposizione regolamentare ritiene tassabili le superfici delle aree scoperte per la parte fissa, in caso di totale autosmaltimento di rifiuti speciali prodotti dall’utenza non domestica,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tia: la Cassazione ne ribadisce la natura di tributo e l’esclusione da Iva

Corte Suprema di Cassazione – Sezioni Unite Civili –Sentenza n. 5078 del 15 marzo 2016   Con Sentenza n. 5078/16,

Assenteismo dal lavoro: condanna di un dipendente comunale per danno patrimoniale e all’immagine

Corte dei conti, Sezione Terza giurisdizionale centrale d’Appello, Sentenza n. 205 del 26 aprile 2021 di Antonio Tirelli Oggetto: Condanna

“Covid-19”: giro di vite sulle norme anti-contagio fino al 6 aprile 2021

Le misure anticontagio recentemente disposte dal Dpcm. 2 marzo 2021 sono già state fatte oggetto di un primo irrigidimento. L’andamento