Tari: le tariffe devono essere commisurate alla capacità di produzione dei rifiuti

Tari: le tariffe devono essere commisurate alla capacità di produzione dei rifiuti

Nella Sentenza n. 426 del 3 marzo 2016, del Tar Puglia, i ricorrenti, proprietari e/o gestori di esercizi alberghieri in un Comune pugliese, hanno lamentato l’applicazione, da parte del Comune, di una tariffa relativa all’anno 2014 concernente il costo del “Servizio di smaltimento di rifiuti solidi urbani” del tutto sperequata rispetto ad altre utenze. La sperequazione si sarebbe manifestata, in particolare, con riguardo alle utenze domestiche, le quali avrebbero goduto, per il 2014, di un’arbitraria agevolazione rispetto ai titolari di utenze non domestiche e, per l’appunto, nei confronti delle strutture alberghiere.

I Giudici pugliesi hanno condiviso la tesi

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Gratuità Cda Consorzi: nessuna esclusione per quelli che gestiscono attività aventi rilevanza economica ed imprenditoriale

Nella Delibera n. 7 del 2 febbraio 2016 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede un parere in ordine

Impugnabilità del ruolo: ammissibile quando non è stato validamente notificato

Nella Sentenza n. 19704 del 2 ottobre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che è ammissibile l’impugnazione della

Iva: aliquota del 10% per la realizzazione di una struttura residenziale extraospedaliera da accreditare presso la Regione

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello 10 febbraio 2020 n. 41, ha fornito precisazioni in ordine all’aliquota