Tariffe Tari: non possono essere adottate tardivamente attraverso l’esercizio del potere di convalida

Tariffe Tari: non possono essere adottate tardivamente attraverso l’esercizio del potere di convalida

Nella Sentenza n. 815 del 12 agosto 2016 del Tar Basilicata, un Consiglio comunale ha approvato, con Delibera, unitamente al bilancio di previsione, le nuove tariffe Tari, con decorrenza dal 1° gennaio 2015. Il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha invitato il Comune in questione ad annullare la Delibera consiliare, nella parte in cui non confermava per l’anno 2015 le tariffe della Tari già stabilite per l’anno 2014, in quanto i relativi aumenti erano stati approvati dopo il 30 luglio 2015, con l’espressa avvertenza che, decorso il termine di 10 giorni, la citata Delibera sarebbe stata

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tributi locali: chiarimenti del Mef in merito alla trasmissione delle Deliberazioni di nomina del Funzionario Responsabile

È stata pubblicata sul portale del Dipartimento delle Finanze, www.finanze.gov.it, la Nota Mef 24 marzo 2014, n. 7812/14, titolata “Trasmissione

Avviso pubblico di una Società “in house”: la competenza sulla domanda di annullamento è del Giudice amministrativo

Nella Sentenza n. 5643 dell’11 dicembre 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che sussiste la giurisdizione del Giudice

“Fondo rotativo per la progettualità”: confermata la validità della Circolare vigente per le domande di finanziamento

Con una Nota pubblicata il 15 settembre 2015 sul sito http://italiasicura.governo.it/, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha chiarito che,