Tarsu: cartella di pagamento e termine di decadenza

Tarsu: cartella di pagamento e termine di decadenza

Nell’Ordinanza n. 18105 del 21 luglio 2017 della Corte di Cassazione una Società, su richiesta di un Comune, presentava il Modulo di dichiarazione per utenze non abitative valido come autodenuncia ai fini Tarsu per determinati anni di imposta. Poi, il Comune notificava alla contribuente la cartella di pagamento, tramite Agente della riscossione. La Suprema Corte chiarisce che, nel caso di specie, non trova applicazione il termine quinquennale stabilito dall’art. 1, comma 161, della Legge n. 296/06 (con applicazione anche ai rapporti di imposta pendenti alla data di entrata in vigore della legge, giusta il successivo comma 171).

Ciò in quanto la norma citata fa riferimento alla rettifica, da parte degli Enti Locali, delle Dichiarazioni incomplete o infedeli o dei parziali o ritardati versamenti, nonché all’accertamento d’ufficio delle omesse Dichiarazioni o degli omessi versamenti ma non anche alle liquidazioni conseguenti alle Dichiarazioni, ancorché tardive.


Related Articles

“E-fattura”: l’Agenzia delle Entrate fornisce le “istruzioni per l’uso” in vista dei nuovi obblighi che saranno in vigore dal 2019

Per chi diventerà obbligatorio l’uso della fatturazione elettronica a partire dal 1° gennaio 2019 e chi invece è esonerato? Quali

Assunzioni etero-finanziate Assistenti sociali: sono “neutre” ai fini della determinazione delle capacità assunzionali

Nella Delibera n. 65 del 21 aprile 2021 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede se i contributi assegnati

Gettone di presenza al Segretario delle Commissioni e Sottocommissioni elettorali circondariali

  Nella Delibera n. 348 del 30 novembre 2016 della Corte dei conti Campania, viene chiesto un parere in ordine