Tarsu: esenzione subordinata alla congrua delimitazione degli spazi e idonea documentazione

Tarsu: esenzione subordinata alla congrua delimitazione degli spazi e idonea documentazione

Nella Sentenza n. 8184 del 22 aprile 2015, la Corte di Cassazione ha osservato che il presupposto della Tarsu, secondo l’art. 62, del Dlgs. n. 507/93, è l’occupazione o la detenzione di locali e aree scoperte a qualsiasi uso adibiti. Per cui, hanno affermato i Giudici di legittimità, l’esenzione dalla tassazione di una parte delle aree utilizzate perché ivi si producono rifiuti speciali, come pure l’esclusione di parti di aree perché inidonee alla produzione di rifiuti, sono subordinate all’adeguata delimitazione di tali spazi e alla presentazione di documentazione idonea a dimostrare le condizioni dell’esclusione o dell’esenzione. Il relativo onere della prova incombe al contribuente.

Corte di Cassazione – Sentenza n. 8184 del 22 aprile 2015


Related Articles

Tari: da Anci Toscana arriva la richiesta di non applicare la Tassa alle attività produttive chiuse

L’Anci Toscana, attraverso la pubblicazione della news nel 27 aprile 2020 sul proprio sito web, comunica di aver richiesto all’Assessore

Tosap: non assoggettabile l’area concessa in diritto di superficie

  Nella Sentenza n. 11437 del 3 giugno 2015 della Corte di Cassazione, la controversia verte in merito all’applicabilità della

“Diritti di rogito”: compensi al lordo di Irap e oneri riflessi

Nella Delibera n. 95 del 18 aprile 2019 della Corte dei conti Campania, un Sindaco ha chiesto di sapere se