Tarsu: esenzione subordinata alla congrua delimitazione degli spazi e idonea documentazione

Tarsu: esenzione subordinata alla congrua delimitazione degli spazi e idonea documentazione

Nella Sentenza n. 8184 del 22 aprile 2015, la Corte di Cassazione ha osservato che il presupposto della Tarsu, secondo l’art. 62, del Dlgs. n. 507/93, è l’occupazione o la detenzione di locali e aree scoperte a qualsiasi uso adibiti. Per cui, hanno affermato i Giudici di legittimità, l’esenzione dalla tassazione di una parte delle aree utilizzate perché ivi si producono rifiuti speciali, come pure l’esclusione di parti di aree perché inidonee alla produzione di rifiuti, sono subordinate all’adeguata delimitazione di tali spazi e alla presentazione di documentazione idonea a dimostrare le condizioni dell’esclusione o dell’esenzione. Il relativo onere della prova incombe al contribuente.

Corte di Cassazione – Sentenza n. 8184 del 22 aprile 2015


Related Articles

Ici: Enti non commerciali

Nella Ordinanza n. 12301 del 17 maggio 2017 della Corte di Cassazione, un’Associazione impugnava gli avvisi di accertamento emessi da

Tari: variazioni tariffarie retroattive ammesse solo in caso di accertato squilibrio

Nella Delibera n. 110 del 9 giugno 2017 della Corte dei conti Piemonte, un Comune chiede se è possibile deliberare

Effetto fiscale delle nuove rendite catastali: il punto della Ctr Marche

Nella Sentenza n. 378 del 27 maggio 2019 della Ctr Marche, la questione controversa riguarda l’interpretazione e i conseguenti effetti