Tarsu: le tariffe sono illegittime se non corrispondono alle categorie omogenee

Tarsu: le tariffe sono illegittime se non corrispondono alle categorie omogenee

Nella Sentenza n. 2199 del 25 giugno 2015 della Ctp Lecce, un Comune ha violato le disposizioni di cui all’art. 68, del Dlgs. n. 507/93, poiché ha assoggettato locali con omogenea potenzialità di rifiuti a diverse tariffe. Infatti, secondo i Giudici leccesi, non vi sono dubbi che la capacità produttiva di un esercizio alberghiero e/o di campeggio sia, almeno in parte, la medesima di quella di una civile abitazione. Infatti, appare irragionevole, che un nucleo familiare in vacanza produca maggiori rifiuti di quelli prodotti ordinariamente nella propria abitazione, a differenza delle altre superfici aperte al pubblico alle quali hanno libero

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Organismi partecipati dagli Enti territoriali: esiti dell’indagine della Corte dei conti

Nella Delibera n. 27 del 24 novembre 2017 della Corte dei conti – Sezione Autonomie, viene analizzato il progetto di

Entrate tributarie: il Mef rilascia i dati per il 2019, il cui gettito si attesta a 471,6 miliardi (+1,7%)

Con il Comunicato-stampa n. 40 del 5 marzo 2020 il Mef ha diffuso i dati Istat sul Pil e su

Principio di rotazione: il reinvito al gestore uscente deve essere adeguatamente motivato

Nella Sentenza n. 1322 del 4 settembre 2018 del Tar Puglia, per i contratti sotto soglia, l’art. 36, comma 1