Tarsu: se il Comune non ha assunto provvedimenti dopo aver ricevuto la denuncia di variazione non può richiedere il pagamento del Tributo

Tarsu: se il Comune non ha assunto provvedimenti dopo aver ricevuto la denuncia di variazione non può richiedere il pagamento del Tributo

Una Società ha proposto ricorso contro una cartella di pagamento Tarsu, relativa all’anno 2011, in relazione ad una vasta superficie in cui si trovavano uffici, archivi e servizi, ma anche un’area adibita a centrale telefonica non presidiata.

I Giudici della Ctp Caltanissetta, con la Sentenza n. 713 del 2 ottobre 2015, hanno rilevato che, ai sensi dell’art. 62, comma 1, del Dlgs. n. 507/93, la Tarsu è dovuta per l’occupazione o la detenzione di locali ed aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, con esclusione dell’aree scoperte che costituiscono pertinenze di civili abitazioni diverse dalle aree a verde. L’applicazione della Tassa

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Relata: l’omessa indicazione del luogo è una irregolarità

Nella Sentenza n. 6631 del 6 aprile 2016 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità statuiscono che, poiché la

Tia: presupposti di applicazione sui rifiuti speciali

Nella Sentenza n. 3800 del 16 febbraio 2018 della Corte di Cassazione, oggetto della controversia in esame è il tema

Organo collegiale di revisione contabile: il parere della Corte Veneto sulla determinazione dei compensi

Nella Delibera n. 355 del 15 settembre 2016 della Corte dei conti Veneto, il Parere ha per oggetto la corretta