Tasi: efficacia dell’azzeramento delle aliquote sulle “seconde case”

Tasi: efficacia dell’azzeramento delle aliquote sulle “seconde case”

Nella Sentenza n. 1980 del 25 luglio 2017 del Tar Sicilia, la controversia in questione ha ad oggetto principalmente la Delibera con cui un Consiglio comunale ha determinato le aliquote Tasi per il 2014, nella parte in cui prevede che la stessa debba essere corrisposta esclusivamente dai possessori della prima abitazione e non anche dagli utilizzatori delle seconde case.

I Giudici siciliani osservano che l’art. 1 della Legge n. 147/13, dispone:

  • al comma 669, il presupposto impositivo della Tasi è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di fabbricati e di aree edificabili;
  • al comma 671, che la Tasi
Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Contributi e finanziamenti: clausola di salvaguardia

Nella Sentenza n. 23 del 22 ottobre 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che non è sufficiente a

Aggiudicazione appalti: sistema del confronto “a coppie” non si presta ad una motivazione letterale

Nella Sentenza n. 973 del 31 ottobre 2017 del Tar Veneto, la questione controversa in esame riguarda il caso in

Lavori pubblici: copertura oneri derivanti da attività tecniche connesse agli stessi effettuate da personale interno

Nella Delibera n. 62 del 21 novembre 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere sulla