“Terzo Settore”: adempimenti per l’ammissione al contributo del “5 per mille”

“Terzo Settore”: adempimenti per l’ammissione al contributo del “5 per mille”

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 13/E del 26 marzo 2015, ha evidenziato gli adempimenti che gli Enti del volontariato e le Associazioni sportive dilettantistiche devono porre in essere ai fini dell’ammissione al contributo per l’esercizio 2015 e per quelli successivi.

Per quanto riguarda gli Enti del volontariato, di seguito si riportano le categorie di Enti che attualmente possono accedere al contributo del “5 per mille:

  • Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (Onlus)’ di cui al Dlgs. n. 460/97;
  • Enti ecclesiastici’ con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese;
  • Associazioni di Promozione sociale’ le cui finalità assistenziali sono riconosciute dal Ministero dell’Interno solo qualora iscritti nell’Anagrafe delle Onlus in quanto Onlus parziali;
  • Organizzazioni di volontariato’ iscritte nei Registri del volontariato di cui alla Legge n. 266/91;
  • Organizzazioni non governative’ di cui alla Legge n. 125/14 già riconosciute idonee ai sensi della Legge n. 49/87 alla data del 29 agosto 2014, e inserite nell’Elenco tenuto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale;
  • Cooperative sociali’ di cui alla Legge n. 381/91 iscritte nell’Albo nazionale delle Società Cooperative nonché i Consorzi di Cooperative con la base sociale formata per il 100% dalle stesse Cooperative sociali;
  • Associazioni di promozione sociale’ iscritte nei Registri nazionale, regionali e provinciali previsti dall’art. 7 della Legge n. 383/00;
  • ‘Associazioni e Fondazioni’ di diritto privato, iscritte nel Registro delle persone giuridiche, senza fine di lucro negli stessi Settori di attività delle Onlus.

Le Associazioni sportive dilettantistiche, per poter beneficiare del contributo, devono avere i seguenti requisiti:

  • costituzione ai sensi dell’art. 90 della Legge n. 289/02;
  • possesso del riconoscimento ai fini sportivi rilasciato dal Coni;
  • affiliazione ad una Federazione sportiva nazionale o ad una disciplina sportiva associata o ad un Ente di promozione sportiva riconosciuto dal Coni;
  • presenza nell’ambito dell’organizzazione del Settore giovanile;
  • svolgimento in via prevalente di attività di avviamento e formazione allo sport dei giovani di età inferiore a 18 anni, ovvero di avviamento alla pratica sportiva in favore di persone di età non inferiore a 60 anni, o nei confronti di soggetti svantaggiati in ragione delle condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari.

La procedura di ammissione al beneficio è la medesima, sia per gli Enti del volontariato che per le Associazioni sportive dilettantistiche.

Il primo adempimento è la presentazione della domanda di iscrizione relativa all’esercizio finanziario per il quale si richiede l’ammissione al beneficio da inviare in via telematica all’Agenzia delle Entrate entro il 7 maggio 2015.

Una volta fatta domanda di iscrizione, gli Enti del volontariato e le Asd devono presentare la dichiarazione sostitutiva di notorietà ai sensi dell’art. 47 del Dpr. n. 445/00 entro il 30 giugno 2015 compilando il Modello di dichiarazione sostitutiva stampabile in fase di iscrizione.

I Modelli per la domanda di iscrizione e dichiarazione sostitutiva sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.gov.it.

Gli Enti destinatari del beneficio possono regolarizzare la propria posizione ai fini dell’ammissione al riparto delle quote del “5 per mille” entro il 30 settembre 2015 ai sensi dell’art. 2, comma 2, del Dl. n. 16/12, purché siano in possesso dei requisiti per l’ammissione al riparto della quota del “5 per mille” alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda versando una sanzione di Euro 258 (sanzione versata con Modello “F24”, codice tributo “8115”).

Gli Elenchi degli Enti ammessi e non al beneficio sono pubblicati dall’Agenzia delle Entrate sul proprio sito www.agenziaentrate.gov.it, con indicazione della categoria per la quale è stato ammesso al beneficio, la somma delle scelte ricevute in ciascuna categoria con l’indicazione dell’importo corrispondente sia alle scelte espresse che a quelle generiche con il relativo importo spettante.

Si riporta di seguito l’Elenco riepilogativo con tutti i termini relativi alla procedura di ammissione al beneficio:

  • 7 maggio 2015: termine per l’iscrizione telematica all’Agenzia delle Entrate da parte degli Enti del volontariato e delle Associazioni sportive dilettantistiche;
  • 14 maggio 2015: pubblicazione dell’Elenco degli Enti del volontariato e delle Associazioni sportive dilettantistiche;
  • 20 maggio 2015; termine per la presentazione delle istanze all’Agenzia delle Entrate per la correzione di errori di iscrizione negli elenchi degli Enti del volontariato e delle Associazioni sportive dilettantistiche;
  • 25 maggio 2015; pubblicazione dell’Elenco aggiornato degli Enti del volontariato e delle Associazioni sportive dilettantistiche iscritti al beneficio;
  • 30 giugno 2015; termine per la regolarizzazione della domanda di iscrizione e delle successive integrazioni documentali.

Gli Enti che vogliono accedere al beneficio devono attivarsi per rispettare i termini ormai prossimi mentre i soggetti che versano il contributo devono comunicare quanto prima il nominativo dell’Ente al quale destinare la relativa quota di “5 per mille”.


Tags assigned to this article:
5 per milleassociazionionlusTerzo settore

Related Articles

Tfr, Tfs e trattamenti pensionistici: effetti delle disposizioni della “Legge di stabilità 2015”

Con la Circolare 17 settembre 2015, n. 154, l’Inps ha fornito chiarimenti in merito agli effetti sul Tfs (Trattamento fine

Crediti formativi 2017-2019: comunicazione del Cndcec sulla proroga per poterli conseguire

Con la Informativa n. 26/2020, il Consiglio nazionale dei Dottori commercialisti e degli esperti contabili ha comunicato la proroga dei

Formazione dipendenti pubblici: se si protrae oltre orario deve essere riconosciuto lo straordinario

Il tempo dedicato alla formazione è da considerarsi a tutti gli effetti attività lavorativa e se questa si protrae oltre