Tesoreria “unica” e “unica mista”: la disciplina concernente la gestione delle stesse da parte degli Enti Locali

Tesoreria “unica” e “unica mista”: la disciplina concernente la gestione delle stesse da parte degli Enti Locali

La disciplina concernente la gestione della Tesoreria degli Enti locali ha subìto diversi variazioni nel tempo: dal 2012 è stata ripristinata la “Tesoreria unica”, introdotta inizialmente nel 1984 e momentaneamente modificata dal 1997 al 2012 dalla c.d. “Tesoreria unica mista”. La “Tesoreria unica” presenta svantaggi per gli Enti rispetto all’applicazione delle normativa della “Tesoreria mista”, e la reintroduzione è da imputarsi principalmente alla necessità di ridurre l’emissione del debito pubblico statali e quindi ridurre gli oneri finanziari a carico dello Stato.

Il regime di “Tesoreria unica” è stato introdotto dall’art.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Tari: legittima la determinazione della quota variabile in base agli svuotamenti piuttosto che alla superficie dei locali

Nella Sentenza n. 945 del 30 giugno 2016 del Tar Piemonte, è controversa la legittimità delle Delibere consiliari, adottate da

Discariche abusive: Anci invoca la sospensione delle procedure di rivalsa sui Comuni per sanzioni Ue

Sospensione immediata della procedura avviata dal Ministero dell’Economia e Finanze in applicazione delle norme sul c.d. “diritto di rivalsa” che

Riscossione: il costo della raccomandata per i solleciti di pagamento Tares e Tari può essere addebitato al contribuente?

Il testo del quesito: “L’Ente sta procedendo alla predisposizione dei solleciti di pagamento Tares e Tari e vuole addebitare il