Tia: soggettività passiva nei contratti di leasing

Tia: soggettività passiva nei contratti di leasing

Nella Sentenza n. 755 del 19 febbraio 2019 della Ctr Lombardia, la questione controversa riguarda l’impugnazione da parte di una Società di un avviso di accertamento Tia, conseguente all’omesso pagamento di alcune annualità, per un immobile concesso dalla ricorrente in locazione finanziaria ad altra Società poi fallita.

I Giudici pongono in evidenza quanto stabilito dall’art. 49, comma 3, del Dlgs. n. 22/1997, ovverosia “la Tariffa deve essere applicata nei confronti di chiunque occupi oppure conduca locali o aree scoperte ad uso privato non costituenti accessori o pertinenze dei locali medesimi, a qualsiasi uso adibito esistenti nelle zone del territorio comunale”. Quindi è soggetto passivo sia l’occupante che il conduttore in leasing per tutta la durata dell’occupazione. Peraltro, la soggettività passiva del proprietario dell’immobile, nel caso in cui l’immobile sia occupato da un terzo o concesso in locazione commerciale o finanziaria, non è prevista dalla legge.

Inoltre, i Giudici evidenziano che l’art. 117 della Costituzione attribuisce la potestà legislative in materia tributaria allo Stato ed alle Regioni, mentre l’art. 119 della Costituzione introduce il principio dell’autonomia finanziaria degli Enti Territoriali. Poi, l’art. 52 del Dlgs. n. 446/1997 prevede che “le Province i Comuni possono disciplinare con Regolamento le entrate, anche tributarie, salvo per quanto attiene alla individuazione e definizione delle fattispecie imponibili, dei soggetti passivi e dell’aliquota massima dei singoli tributi”.

Pertanto, in base a quanto sopra esposto, un Comune non può estendere con Regolamento la soggettività passiva dei tributi; peraltro, i principi comunitari (artt. 174 e 175 del Trattato Ce e dell’art. 15 della Direttiva comunitaria 2006/l 2/Ce) consentono l’applicazione nell’ordinamento nazionale del principio “chi inquina paga” e anche sotto tale aspetto appare corretta la soggettività passiva della Tia in capo al soggetto che produce i rifiuti, cioè l’occupante dell’immobile che nella fattispecie coincide con la Società conduttrice in leasing.


Related Articles

Notifica del ricorso per Cassazione: si perfeziona con la consegna del relativo plico al destinatario e l’avviso di ricevimento

Nella Sentenza n. 21379 del 21 ottobre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici statuiscono che la notifica a mezzo

Entrate tributarie e contributive: a gennaio 2017 sono in aumento del 7,5% rispetto all’anno precedente

Un aumento complessivo di 4.180 milioni di Euro (+7,5%), trainato soprattutto dalla crescita delle entrate contributive, pari al 17%: sono

Imprese ferroviarie di diritto interno: l’azione di responsabilità nei confronti di Amministratore unico o Dirigente spetta al g.o.

Le imprese ferroviarie di diritto interno sono contrassegnate dall’indipendenza e dall’autonomia, dall’apertura al libero e mercato, pertanto l’azione di responsabilità

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.