Titoli di sosta: qual è il corretto trattamento fiscale delle ricevute emesse dall’intermediario per le provvigioni sulle vendite?

Titoli di sosta: qual è il corretto trattamento fiscale delle ricevute emesse dall’intermediario per le provvigioni sulle vendite?

Il testo del quesito:

Come Azienda affidataria, nel regime concessorio ‘in house providing’, della gestione della sosta a pagamento, vendiamo i titoli di sosta anche tramite un punto vendita la cui gestione è affidata ad una Società esterna alla quale riconosciamo una provvigione del 9%. Ogni fine mese, per le provvigioni sulla vendita dei titoli di sosta, l’intermediario emette, in riferimento all’intero mese trascorso, una ricevuta non imponibile Iva. Tale ricevuta è sempre stata contabilizzata come estranea al campo di applicazione Iva. Chiediamo se tale comportamento sia corretto e se, pertanto, non siamo tenuti alla compilazione del rigo

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Elenco Revisori legali 2020: pubblicato il Decreto ministeriale su modalità e termini di iscrizione

È stato pubblicato sul Portale del Dipartimento Affari Interni e Territoriali, su iniziativa del Ministero dell’Interno, il Decreto ministeriale 24

Nuovo “Codice degli Appalti”: al via la consultazione sulle prime “Linee guida” attuative emanate dall’Anac

A soli 10 giorni di distanza dalla pubblicazione sulla G.U. n. 91 del 19 aprile 2016 (S.O. n. 10) del

Nomina Dirigenti senza concorso: la Corte Costituzionale sancisce l’illegittimità dell’art. 8, comma 24, del Dl. n. 16/12

Nella Sentenza n. 37 del 17 marzo 2015 della Corte Costituzionale, i Giudici si sono espressi sull’art. 8, comma 24,