Toscana: bando per la videosorveglianza

Toscana: bando per la videosorveglianza

Tipo fondo: Fondo regionale

Beneficiari: Enti Locali o Associazioni di Enti Locali con popolazione complessiva inferiore ai 50.000 abitanti. La priorità è per gli Enti Locali con una popolazione inferiore ai 10.000 abitanti.

Tipo finanziamento: 70% a fondo perduto

Risorse complessive: 850.000 Euro

Budget del progetto: minimo 15.000 Euro (Comuni con popolazione inferiore o uguale a 5.000 abitanti) e massimo 150.000,00 Euro (Comuni con popolazione superiore a10.000 ma inferiore a 50.000 abitanti)

Apertura bando: aperto

Scadenza: 9 ottobre 2017

Descrizione sintetica: la Regione Toscana ha emanato un Avviso pubblico per la concessione, nell’anno 2017, di contributi agli enti locali toscani per lo svolgimento di interventi in materia di politiche locali per la sicurezza, in particolare per progetti per la realizzazione ex novo, l’implementazione e la sostituzione dei sistemi di videosorveglianza.

Link bando: http://www.regione.toscana.it/-/concessione-di-contributi-agli-enti-locali-per-interventi-in-materia-di-sicurezza-urbana-videosorveglianza-anno-2017?redirect=http%3A%2F%2Fwww.regione.toscana.it%2Fenti-e-associazioni%2Fsicurezza%2Fsicurezza-urbana%3Fp_p_id%3D101_INSTANCE_YopA6QQtBmwW%26p_p_lifecycle%3D0%26p_p_state%3Dnormal%26p_p_mode%3Dview%26p_p_col_id%3D_118_INSTANCE_4thdsjN1t4vV__column-1%26p_p_col_count%3D1


Related Articles

Tosap: Società che occupa suolo pubblico con cavi e condutture, in virtù di affitto di ramo di azienda, è soggetto passivo

Nell’Ordinanza n. 21907 del 28 settembre 2017 della Corte di Cassazione, oggetto della controversia è l’occupazione da parte di una

Trasferimenti erariali: ripartiti tra gli Enti Locali 70 milioni di Euro per sanificazione e disinfezione ambienti a rischio contagio da “Covid-19”

Con il Decreto del Ministero dell’Interno datato 16 aprile 2020 e pubblicato sul sito della Direzione centrale per la Finanza

Accertamento per estimi catastali: revisione parziale del classamento

Nell’Ordinanza n. 5776 del 27 febbraio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che il procedimento di