Trasferimenti Enti Locali: pubblicato il Decreto che ripartisce i fondi a tutela delle minoranze linguistiche

Trasferimenti Enti Locali: pubblicato il Decreto che ripartisce i fondi a tutela delle minoranze linguistiche

È stato pubblicato nella G.U. n. 33 del 9 febbraio 2021 il Dpcm. 14 dicembre 2020, che ripartisce i fondi per il finanziamento di Progetti destinati alla tutela delle minoranze linguistiche, rubricato “Ripartizione, per l’anno 2020, dei fondi previsti dagli artt. 9 e 15 della Legge 15 dicembre 1999, n. 482, per il finanziamento dei Progetti presentati dalle Pubbliche Amministrazioni”.

L’importo stanziato per l’anno corrente è pari ad Euro 3.559.342, di cui:

  • Euro 2.883.554 destinati agli Enti Locali delle Regioni Calabria, Friuli Venezia-Giulia, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta e Veneto e all’Università degli Studi di Udine Cirf;
  • Euro 85.797 destinato alle Amministrazioni dello Stato.

Il dettaglio delle somme destinate ai singoli Comuni e alle Amministrazioni dello Stato beneficiari è consultabile nelle Tabelle allegate al Decreto in commento.

Ricordiamo che i criteri in base ai quali sono stati ripartiti i fondi per la tutela delle minoranze linguistiche sono stati determinati dal Dpcm. 15 novembre 2019.

Le risorse possono essere utilizzate per finanziare:

a) la realizzazione di Sportelli destinati ai rapporti con il pubblico che intende esprimersi in lingua minoritaria in Amministrazioni pubbliche che non contano tra le proprie fila dipendenti capaci di comunicare nelle lingue in questione;

b) l’istituzione di corsi di formazione relativi alle lingue ammesse a tutela, rivolti al personale in servizio presso le P.A.;

c) l’impiego di traduttori e/o interpreti per le incombenze di cui all’art. 7 della Legge n. 482/1999, fornendo idonea documentazione di tale utilizzo.


Related Articles

Debiti P.A.: pubblicata una Delibera Agid sui pagamenti elettronici verso le Pubbliche Amministrazioni

È stata pubblicata sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale (Agid) la Circolare n. 66 del 4 settembre 2014, che costituisce

Sostituto d’imposta che funge da “terzo erogatore”: come operare in caso di decesso del debitore e mancata accettazione dell’eredità

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 13 del 7 gennaio 2021, ha fornito chiarimenti in ordine

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.