Trasferimenti erariali: al via i contributi agli Enti di area vasta per l’assistenza agli alunni disabili

Trasferimenti erariali: al via i contributi agli Enti di area vasta per l’assistenza agli alunni disabili

Il termine entro il quale gli Enti di area vasta possono fare domanda per ottenere i contributi per l’assistenza agli alunni disabili, previsti dall’art. 8, comma 13-quater, Dl. n. 78/15, è fissato al 10 settembre 2015.

A stabilirlo è il Decreto 19 agosto 2015 del Ministero dell’Interno, pubblicato lo stesso giorno dell’emanazione sul sito istituzionale della Direzione centrale della Finanza locale. In particolare, il contributo è teso a finanziare, per il 2015, “l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione personale degli alunni con handicap fisici o sensoriali e i servizi di supporto organizzativo del servizio di istruzione per gli alunni con handicap o in situazione di svantaggio”.

La richiesta può essere avanzata da Province e Città metropolitane delle Regioni a statuto ordinario   e delle Regioni Sicilia e Sardegna. Sono dunque escluse le Province del Trentino, della Valle d’Aosta e del  Friuli Venezia Giulia.

Modalità invio richiesta

Gli Enti devono inviare la richiesta compilando, entro le ore 24:00 del 10 settembre 2015, l’apposito Modulo informatizzato disponibile sul sito web del Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale (“Area certificati tbel, altri certificati”).

L’eventuale invio di documentazione aggiuntiva che comprometta la certezza del dato riportato nella richiesta già trasmessa telematicamente comporterà la non validità della stessa ai fini dell’attribuzione del contributo. Ciò non toglie che, entro la citata scadenza del 10 settembre, gli Enti possano correggere i dati già inoltrati, annullando l’invio precedente attraverso lo stesso Portale (Sezione  “Richiesta di dati agli Enti” – funzione “Richieste aperte”).


Related Articles

Contabilità economico-patrimoniale per i Comuni sotto i 5.000 abitanti: verso lo slittamento degli adempimenti?

Il quesito: “Vorremmo sapere se in un Comune sotto i 5.000 abitanti, anche alla luce del Documento prodotto da Anci

Pagamenti P.A.: ripartite le risorse stanziate dal “Decreto Enti Locali” per il saldo dei debiti delle Regioni e delle Province autonome

  Con Decreto 20 luglio 2015, pubblicato sulla G.U. n. 191 del 19 agosto 2015, sono state ripartite le risorse

Durc e autocertificazione: non si applica l’invito alla regolarizzazione e la verifica va effettuata alla data della dichiarazione

Tar Sicilia, Palermo, Sezione III, Sentenza n. 660 del 12 marzo 2015 La procedura di regolarizzazione contributiva prevista dall’art. 7,