Trasferimenti erariali: il Viminale annuncia la sospensione per le Unioni di Comuni che non comunichino variazioni di conti correnti o tesoreria

Trasferimenti erariali: il Viminale annuncia la sospensione per le Unioni di Comuni che non comunichino variazioni di conti correnti o tesoreria

In caso di mancata comunicazione della variazione del numero di conto corrente bancario o di tesoreria originariamente comunicato dalle Unioni di Comuni o del provvedimento di cessazione dell’Unione stessa, scatterà d’ora in poi la sospensione dei trasferimenti erariali dovuti.

Ad annunciarlo, con il Comunicato 7 luglio 2015, è il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale.

Nella Nota, il Viminale ha evidenziato che l’erogazione dei trasferimenti erariali in favore delle Unioni di Comuni è da tempo ostacolata dalla mancata o non tempestiva comunicazione di queste variazioni che creano notevoli difficoltà amministrativo/contabili connesse con i Decreti di pagamento a cui l’ufficio Centrale di Bilancio del Ministero non dà corso per mancata corrispondenza dei dati.

Questo Ufficio – si legge – fino ad oggi e con non poche difficoltà, ha supplito epistolarmente o contattando direttamente per le vie brevi l’Ente, attività che oggi le rilevanti e complesse procedure amministrative non permettono più di svolgere”.

Le comunicazioni in oggetto dovranno essere indirizzate all’indirizzo Pec della Direzione centrale (finanzalocale.prot@pec.interno.it) oppure a uno dei seguenti funzionari: Tiziana Scippa (tel. 06/46548096, tiziana.scippa@interno.it) o Maria Di Rienzo (tel. 06/46548095, maria.dirienzo@interno.it).


Tags assigned to this article:
trasferimentiunioni comuniViminale

Related Articles

Ici: il proprietario è soggetto passivo anche nel caso in cui sull’immobile gravi una servitù di uso pubblico

Nella Sentenza n. 5048 del 24 novembre 2015 della Ctr Lombardia, i Giudici chiariscono che tenuti al pagamento dell’Imposta Ici,

Vincoli assunzionali: il personale trasferito dal Comune alla Fondazione non può essere considerato cessato

Nella Delibera n. 129 del 27 aprile 2016 della Corte dei conti Lombardia, il quesito posto da un Comune verte

“Fondo crediti dubbia esigibilità”: Fassino, “non più da perseguire entro il 2015 ma ‘spalmabile’ in 5 anni”

Tra gli accordi raggiunti da Anci e Governo negli incontri tenutisi a Palazzo Chigi nel corso delle scorse settimane, ci