Trasformazione del rapporto parziale in tempo pieno dei contratti di lavoro a tempo indeterminato

Trasformazione del rapporto parziale in tempo pieno dei contratti di lavoro a tempo indeterminato

Nella Delibera n. 40 del 9 febbraio 2017 della Corte dei conti Molise, un Sindaco ha chiesto un parere in ordine all’interpretazione dell’art. 3, comma 101, della Legge n. 244/07, secondo il quale è riconosciuta la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato da tempo parziale in tempo pieno anche in considerazione di quanto previsto dalla successiva normativa che disciplina la ricollocazione nei ruoli delle unità soprannumerarie destinatarie dei processi di mobilità delle Province e delle Aree metropolitane (art. 1, comma 424, della Legge n. 190/14).

La Sezione afferma che la trasformazione di un rapporto di lavoro costituito originariamente a tempo parziale in un rapporto a tempo pieno (36 ore settimanali) deve considerarsi una nuova assunzione che, come tale, soggiace ai limiti previsti dalla legge per i vincoli assunzionali.

Pertanto, in attesa che si concludano le procedure previste dall’art. 1, comma 424, della Legge n. 190/14 (procedura di ricollocamento dei dipendenti soprannumerari delle Province), gli Enti Locali non possono procedere alla trasformazione di un rapporto di lavoro da tempo parziale a tempo pieno.


Related Articles

Permessi brevi: nessuna deroga al limite annuo previsto dal Ccnl.

L’Aran, con Orientamento applicativo Ral_1963 del 20 marzo 2018, ha recentemente risposto ad un quesito fornendo chiarimenti in merito alla

Riscossione: sono inesistenti le notifiche postali degli atti tributari effettuate dai vettori privati

Nell’Ordinanza n. 234 dell’8 gennaio 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda la presunta inesistenza della notifica di

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a giugno 2018

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 188 del 14 agosto 2018 il Comunicato Istat recanti l’aggiornamento al mese di giugno