Trasformazione di un contratto di lavoro “part-time” in un rapporto a tempo pieno: le condizioni

Trasformazione di un contratto di lavoro “part-time” in un rapporto a tempo pieno: le condizioni

Nella Delibera n. 91 del 21 marzo 2018 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede un parere in merito alla possibilità di utilizzare il risparmio di spesa derivante dal trasferimento per mobilità di dipendente inizialmente assunto a tempo pieno e successivamente trasformato in part-time, per coprire la spesa derivante dalla trasformazione a tempo pieno di n. 2 posti part-time. La Sezione rileva che la trasformazione di un contratto di lavoro part-time (ab initio) in un rapporto a tempo pieno costituisce nuova assunzione e soggiace alle limitazioni normative sulla capacità assunzionale. Fermo restando il principio di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Bando di gara: legittimo il requisito di ammissione relativo al “non avere procedimenti penali in corso”

Nella Sentenza n. 3542 dell’8 agosto 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Quinta, i Giudici si esprimono sull’inserimento in un

Attività di pianificazione: per l’erogazione dell’incentivo occorre il collegamento diretto ed immediato alla progettazione di un’opera pubblica

Nella Delibera n. 303 del 22 settembre 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco formula un quesito sulla corretta

Iva: non si applica il regime di esenzione alle prestazioni dei Fisici specialisti in Fisica medica

L’Agenzia delle Entrate, con Risposta all’Istanza di Interpello n. 208 del 9 luglio 2020, ha fornito chiarimenti in ordine all’applicabilità