Trasformazione di un contratto di lavoro “part-time” in un rapporto a tempo pieno: le condizioni

Trasformazione di un contratto di lavoro “part-time” in un rapporto a tempo pieno: le condizioni

Nella Delibera n. 91 del 21 marzo 2018 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede un parere in merito alla possibilità di utilizzare il risparmio di spesa derivante dal trasferimento per mobilità di dipendente inizialmente assunto a tempo pieno e successivamente trasformato in part-time, per coprire la spesa derivante dalla trasformazione a tempo pieno di n. 2 posti part-time. La Sezione rileva che la trasformazione di un contratto di lavoro part-time (ab initio) in un rapporto a tempo pieno costituisce nuova assunzione e soggiace alle limitazioni normative sulla capacità assunzionale. Fermo restando il principio di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Rinegoziazione mutui Enti Locali secondo semestre 2019: le indicazioni della Cassa Depositi e Prestiti

La Cassa Depositi e Prestiti, con la Circolare n. 1295 del 2 agosto 2019, ha avviato la rinegoziazione dei mutui

Iva: non ammessa la nota di credito a rettifica dell’aliquota ordinaria applicata su una fattura d’acconto emessa in una prima fase generica

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 216 del 14 luglio 2020, ha fornito chiarimenti in ordine

“Definizione agevolata delle controversie tributarie-bis”: Comunicato dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione su modulistica e scadenze

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione, con il Comunicato-stampa 26 ottobre 2017 pubblicato sul proprio sito web istituzionale, ha fornito alcune precisazioni in