Trasparenza: pubblicati gli esiti delle verifiche Anac sui siti delle Regioni

Trasparenza: pubblicati gli esiti delle verifiche Anac sui siti delle Regioni

Con la Nota 28 ottobre 2014, l’Autoritá nazionale Anticorruzione ha reso pubblici gli esiti dei monitoraggi e delle verifiche effettuate sui siti istituzionali delle Giunte regionali e delle Province autonome.

L’Autorità, hai sensi della propria Delibera n. 77/13, ha esaminato i portali istituzionali per valutare lo stato di attuazione delle disposizioni in materia di trasparenza introdotte dal Dlgs. n. 33/13 (Decreto attuativo della Legge n. 190/12, c.d. “Legge Anticorruzione”).

Nello specifico – si legge nel Comunicato – gli obblighi di pubblicazione verificati sono quelli relativi a: ‘Organi di indirizzo politico-amministrativo’, ‘Consulenti e collaboratori’, ‘Monitoraggio dei tempi procedimentali’, ‘Atti di concessione di sovvenzioni e vantaggi economici comunque denominati’, ‘Informazioni identificative degli immobili posseduti’, ‘Canoni di locazione o affitto versati o percepiti’, ‘Strutture sanitarie private accreditate’, ‘Responsabili della prevenzione della corruzione e della trasparenza’”.

Sul sito istituzionale sono pubblicati il Rapporto generale ed i singoli Rapporti [2], comprensivi della lettera inviata e delle osservazioni ricevute, dalle amministrazioni regionali, sulla prima versione dei Rapporti individuali.


Related Articles

Limiti al lavoro flessibile: si applicano anche all’art. 1, comma 557, della Legge n. 311/04

Nella Delibera n. 35 del 5 marzo 2015 della Corte dei conti Molise, un Sindaco chiede di conoscere se, nonostante

Fondi comunitari strutturali e di investimento: possibilità di utilizzarli per incentivare il personale addetto alla loro gestione

Nella Delibera n. 20 del 25 luglio 2017 della Corte dei conti-Sezione Autonomie, viene chiesto un parere sulla possibilità di

Opposizione all’esecuzione forzata di crediti erariali mediante iscrizione a ruolo

Nell’Ordinanza n. 29798 del 18 novembre 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che nelle cause di