Trattamento accessorio Regioni-Città metropolitane: pubblicato il Decreto per l’incremento dei fondi in via sperimentale

Trattamento accessorio Regioni-Città metropolitane: pubblicato il Decreto per l’incremento dei fondi in via sperimentale

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 103 del 4 maggio 2019 il Dpcm. 8 marzo 2019, recante “Disposizioni, in via sperimentale, sul trattamento accessorio del personale in servizio presso le Regioni a Statuto ordinario e le Città metropolitane”, attuativo della disposizione prevista dall’art. 23, comma 4, del Dlgs. n. 75/2017, disciplinante le possibilità di incremento, in via sperimentale, dei fondi del trattamento accessorio delle Regioni a Statuto ordinario e delle Città metropolitane.

Il Decreto, giunto a quasi 2 anni dalla sua previsione, consente di dare attuazione alla citata disposizione del Dlgs. n. 75/2017, determinando i parametri ed il limite di incremento dell’ammontare della componente variabile dei fondi per la Contrattazione integrativa destinata al personale in servizio, anche di livello dirigenziale.

Per quanto concerne quest’ultimo aspetto, il Decreto ha individuato un’unica percentuale, identica per entrambe le tipologie di Enti, fissata nella misura del 5% della componente stabile di ciascuno dei fondi certificati nel 2016.

Diversamente, gli elementi di differenziazione tra gli Enti interessati si riscontrano con riferimento ai parametri che le Amministrazioni devono rispettare.

In particolare, per entrambi gli Enti:

  • resta fermo il rispetto del tetto di spesa di personale in valore assoluto previsto dall’art. 1 comma 557-quater, della Legge n. 296/2006, ovvero la media dei costi del triennio 2011/2013;
  • nell’anno precedente, deve essere stato rispettato il “Pareggio di bilancio”;
  • è richiesto il rispetto del termine di pagamento dei debiti di natura commerciale previsto dall’art. 41, comma 2, del Dl. n. 66/2014, come risultante dall’Indicatore di tempestività dei pagamenti;
  • è richiesto inoltre il rispetto di precisi valori finanziari, tra i quali il limite di valore pro-capite complessivo dei fondi per le risorse decentrate dell’anno precedente a quello di riferimento, che per le Regioni non deve superare Euro 11.937 e per le Città metropolitane Euro 8.437.

Related Articles

Ici: per il fabbricato ritenuto esente in quanto rurale deve essere richiesta l’attribuzione di specifica categoria catastale

Nella Sentenza n. 2404 del 31 gennaio 2017 della Corte di Cassazione, un’Associazione produttori ortofrutticoli impugna gli avvisi di accertamento

Immigrazione: Anci, “Prefetture dirottino flussi migranti su Comuni che non fanno accoglienza”

Indirizzare i migranti verso i Comuni che si sono spesi meno per l’assistenza (o non lo fanno affatto) nel momento

Trattamento accessorio: modalità di calcolo della riduzione delle risorse prevista dalla “Legge di stabilità 2016”

Nella Delibera n. 2 del 20 gennaio 2017 della Corte dei conti Umbria, un Sindaco chiede un chiarimento sulla corretta

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.