Truffa aggravata: timbratura dell’ingresso in luogo diverso da quello dell’Ufficio

Truffa aggravata: timbratura dell’ingresso in luogo diverso da quello dell’Ufficio

Nella Sentenza n. 8840 del 12 febbraio 2016 la Corte di Cassazione afferma che si tratta del reato di truffa aggravata se un dipendente pubblico timbra l’ingresso in servizio presso un orologio diverso da quello del suo Ufficio. Ciò in quanto il dipendente pubblico non consente all’Ufficio di appartenenza di rilevare l’esatto momento di inizio del rapporto di lavoro. Nel caso di specie, la condotta posta in essere dal dipendente pubblico non ha consentito all’Ufficio di appartenenza di rilevare l’esatto momento di inizio del rapporto di lavoro poiché lo stesso, sfruttando la possibilità di timbrare l’ingresso presso un orologio marcatempo situato in prossimità della propria abitazione ma a ben 10 Km di distanza dal luogo di lavoro, alterava i dati rilevanti per stabilire l’inizio della sua attività.

Corte di Cassazione – Sentenza n. 8840 del 12 febbraio 2016


Related Articles

Ici: atti attributivi o modificativi delle rendite catastali efficaci dalla loro notificazione

Nell’Ordinanza n. 27027 del 15 novembre 2017, la Corte di Cassazione chiarisce che, in tema di Ici, l’art. 74, comma

Stabilizzazione ex art. 20 del Dlgs. n. 75/2017: esclusi gli incarichi ex art. 110 Tuel e ai Professionisti titolari di P.Iva

Nella Delibera n. 51 del 1° aprile 2021 della Corte dei conti Puglia, viene chiesto se sia possibile attivare la

Accertamento catastale: esatta individuazione degli elementi

Nell’Ordinanza n. 9049 del 1° aprile 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che il procedimento di