Turn over: l’utilizzo dei residui del triennio precedente è possibile anche per gli Enti non soggetti al Patto

Turn over: l’utilizzo dei residui del triennio precedente è possibile anche per gli Enti non soggetti al Patto

Nella Delibera n. 15 del 13 gennaio 2016 della Corte dei conti Veneto, viene chiesto se un Ente non soggetto al Patto di stabilità (e, dunque ricadente nella disciplina dell’art. 1, comma 562, della Legge n. 296/06, quanto ai vincoli di spesa per il personale), possa procedere ad assunzione a tempo indeterminato mediante riallocazione del personale soprannumerario delle Province, utilizzando nell’anno 2015 un residuo di quota assunzionale di cui non si è avvalso nell’anno 2012, pari al 10% della spesa per una cessazione intervenuta nel corso dell’anno 2011.

La Sezione risponde positivamente al quesito. Posto che l’art. 1, comma 424,

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Lo stato dell’arte sull’autonomia regionale differenziata – panoramica a tappe – Parte III/B3

Parte I: Visione generale sotto un profilo istituzionale (pubblicato) Parte II: I precedenti ante 2017 e la procedura da seguire

La Sentenza n. 18 del 14 febbraio 2019 della Corte Costituzionale e il “Decreto Crescita”

Dopo la Sentenza della Corte Costituzionale 14 febbraio 2019, n. 18, che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 1, comma 714,

Revisori Enti Locali: deliberate dalla Corte dei conti le “Linee guida” per il Questionario al rendiconto della gestione 2014

E’ stata pubblicata sul sito web istituzionale della Corte dei conti la Delibera n. 13/2015/SezAut/Inpr con la quale sono state