Ici: non sono assoggettabili le cave ed i terreni estrattivi

Ici: non sono assoggettabili le cave ed i terreni estrattivi

Nella Sentenza n. 6 del 4 gennaio 2018 della Ctr Lazio, la questione controversa in esame ha come oggetto l’avviso di accertamento emesso da una Società, Concessionaria del “Servizio di accertamento e riscossione” dell’’Ici, anno 2006, per conto di un Comune. La Suprema Corte pone in evidenza che, ai sensi dell’art. l, comma 2, del Dlgs. n. 504/92, il presupposto dell’Ici “è il possesso di fabbricati, di aree fabbricabili e di terreni agricoli, siti nel territorio dello Stato, a qualsiasi uso destinati, ivi compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l’attività dell’impresa”.  Dunque, le cavee i terreni estrattivi, secondo i Giudici di legittimità, per la loro intrinseca natura non sono certamente immobili, ma neppure possono includersi, in ragione della loro destinazione alla ricerca e alla coltivazione di sostanze minerali, nella categoria di terreni agricoli e, da ciò deve dedursi la non assoggettabilità all’Imposta. I terreni destinati a cavae i terreni estrattivi costituiscono una categoria di terreni a sé e non rientrano nelle categorie di immobili per i quali la legge istitutiva dell’Ici ha previsto la tassazione.


Related Articles

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a ottobre 2015

  E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 276 del 26 novembre 2015 il Comunicato dell’Istat contenente l’aggiornamento al mese di

Emergenza abitativa: via libera della Conferenza unificata allo sblocco di risorse per allentare criticità famiglie

E’ stato ratificato, in occasione della Conferenza unificata del 22 gennaio 2015, lo sblocco di risorse per un totale di

“730 precompilato”: definite modalità e termini di comunicazione delle spese universitarie, funebri e rimborsi spese sanitarie

Con 4 Provvedimenti del Direttore dell’Agenzia delle Entrate datati 19 febbraio 2016, Prot. n. 27065, Prot. n. 27002, Prot. n.