Valorizzazione e vendita immobili pubblici: determinate le modalità per l’attribuzione ai Comuni di una quota-parte dei proventi

Valorizzazione e vendita immobili pubblici: determinate le modalità per l’attribuzione ai Comuni di una quota-parte dei proventi

Con il Decreto Mef 7 agosto 2015, pubblicato sulla G.U. n. 215 del 16 settembre 2015, sono state fissate le modalità di attribuzione ai Comuni di una quota-parte dei proventi della valorizzazione o alienazione degli immobili pubblici la cui destinazione d’uso sia stata modificata.

Il Decreto si applica alla valorizzazione e vendita degli immobili di proprietà dello Stato. I Comuni beneficiano parzialmente dei proventi laddove abbiano attivamente collaborato alla valorizzazione attraverso lo strumento degli Accordi di programma di cui all’art. 34, commi 3 e 4, del Tuel.

In caso di alienazione degli immobili valorizzati, il Mef corrisponde ai relativi Comuni

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Affidamento esterno di progettazione, direzione dei lavori e collaudo: al Rup spetta comunque l’incentivo

Nella Sentenza n. 214 del 22 settembre 2017 della Corte dei conti Toscana, venivano convenuti in giudizio per danno erariale

Carta d’identità elettronica: ufficializzate l’entrata in vigore e le modalità di rilascio

Con la pubblicazione della Circolare n. 4/2017, il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per i Servizi Demografici, ha introdotto formalmente

“Riforma Madia”: con il “Decreto Scia 2” via ai nuovi regimi amministrativi applicabili alle attività commerciali ed edilizie

Il tanto atteso Decreto c.d. “Scia 2” è realtà. Entro il 30 giugno 2017, Regioni ed Enti Locali dovranno adeguarsi