Valutazione offerte anomale: il costo del lavoro può anche essere inferiore alle tabelle ministeriali

Valutazione offerte anomale: il costo del lavoro può anche essere inferiore alle tabelle ministeriali

Nella Sentenza n. 3329 del 3 luglio 2015 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, i Giudici statuiscono che i valori del costo del lavoro risultanti dalle tabelle ministeriali non costituiscono un limite inderogabile, ma semplicemente un parametro di valutazione della congruità dell’offerta, con la conseguenza che l’eventuale scostamento da tali parametri delle relative voci di costo non legittima di per sé un giudizio di anomalia. Pertanto, devono considerarsi anormalmente basse le offerte che si discostino in modo evidente dai costi medi del lavoro indicati nelle tabelle predisposte dal Ministero del lavoro in base ai valori previsti dalla contrattazione collettiva, in quanto i costi medi costituiscono non parametri inderogabili ma indici del giudizio di adeguatezza dell’offerta, con la conseguenza che è ammissibile l’offerta che da essi si discosti, purché lo scostamento non sia eccessivo e vengano salvaguardate le retribuzioni dei lavoratori, così come stabilito in sede di contrattazione collettiva. Dunque, secondo i Giudici, in applicazione dei principi sopra esposti, un’offerta non può ritenersi anomala, ed essere esclusa da una gara, per il solo fatto che il costo del lavoro è stato calcolato secondo valori inferiori a quelli risultanti dalle tabelle ministeriali o dai contratti collettivi occorrendo, perché possa dubitarsi della sua congruità, che la discordanza sia considerevole e palesemente ingiustificata.

Sentenza n. 3329 del 3 luglio 2015 del Consiglio di Stato


Related Articles

Immigrazione: Anci, “Comuni stanno rispondendo a ‘Piano nazionale ripartizione migranti’ con graduale incremento posti ‘Sprar’”

“A distanza di soli 5 mesi dal concreto avvio del ‘Piano di ripartizione nazionale dei richiedenti asilo e rifugiati’, abbiamo

Responsabilità amministrativa: condanna del Dirigente “Lavori pubblici” per revoca immotivata dell’incarico professionale di progettazione

Corte dei conti – Sezione terza giurisdizionale centrale d’appello – Sentenza n. 93 del 12 febbraio 2014   Oggetto Condanna

Società partecipate: prorogata la rilevazione partecipazioni e rappresentanti nelle Società

Con Avviso datato 16 ottobre 2015 sul Portale del Tesoro, il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro,