Verifica anomalia dell’offerta: serve ad accertare l’attendibilità e l’affidabilità dell’offerta e non ha carattere sanzionatorio

Verifica anomalia dell’offerta: serve ad accertare l’attendibilità e l’affidabilità dell’offerta e non ha carattere sanzionatorio

Nella Sentenza n. 2106 del 6 ottobre 2015 del Tar Lombardia, i Giudici statuiscono che il procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta non ha carattere sanzionatorio e non ha per oggetto la ricerca di specifiche e singole inesattezze dell’offerta economica, mirando piuttosto ad accertare in concreto che l’offerta, nel suo complesso, sia attendibile ed affidabile in relazione alla corretta esecuzione dell’appalto. Quindi, questo procedimento è improntato alla massima collaborazione tra Amministrazione appaltante e offerente, e si pone quale mezzo indispensabile per l’effettiva instaurazione del contraddittorio ed il concreto apprezzamento dell’adeguatezza dell’offerta. Dunque, la legittimità del procedimento di verifica postula, l’effettività del

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Autotutela: il diniego è impugnabile davanti alle Commissioni tributarie

Nella Sentenza n. 23765 del 20 novembre 2015 della Corte di Cassazione, la Suprema Corte afferma che è impugnabile di

Notifica: è nulla se fatta ad un procuratore con lo stesso cognome di quello indicato in Sentenza ma un nome diverso

Nella Sentenza n. 5716 del 23 marzo 2016, la Corte di Cassazione statuisce che l’ipotesi di inesistenza giuridica della notificazione

“Covid-19” e “patrimonio destinato” della Cassa Depositi e Prestiti Spa

Consiglio di Stato, Parere n. 1717 del 3 novembre 2020 Nella fattispecie in esame, i Giudici hanno reso il parere