Verifica dell’anomalia: criterio del “blocco unitario” per le offerte con uguale ribasso

Verifica dell’anomalia: criterio del “blocco unitario” per le offerte con uguale ribasso

Nella Delibera n. 81 del 27 gennaio 2021 dell’Anac,in relazione ad una procedura aperta per l’esecuzione di lavori sulla base del Progetto esecutivo ai sensi dell’art. 60 del Dgs. n. 50/2016 relativa ad un intervento di sistemazione ed ampliamento di aree cimiteriali, una Società contesta la graduatoria e il conseguente verbale di aggiudicazione in favore dell’operatore economico che ha presentato il maggior ribasso, ritenendo che sia stato violato ed erroneamente applicato l’art. 97, comma 2, lett. a), del Dlgs. n. 50/2016 e la lex specialis di gara con riferimento all’applicazione della disciplina del “taglio delle ali” ed alla individuazione della soglia di anomalia, che assume erroneamente calcolata, in quanto il seggio di gara, per le offerte uguali (all’interno e a cavallo delle ali), avrebbe applicato il criterio assoluto e non quello del “blocco unitario” o “relativo” secondo cui le offerte uguali avrebbero dovuto essere conteggiate come se fossero un’unica offerta. L’Anac chiarisce che l’art. 97, comma 2, lett. a) del “Codice”, come modificato con il Dl. n. 32/2019, convertito con Legge n. 55/2019, è interpretato nel senso che le offerte con eguale ribasso interessate dal taglio delle ali, sia che si trovino “a cavallo”, sia che si trovino “all’interno” delle ali, devono essere accantonate e computate come se fossero un’unica offerta secondo il criterio del “blocco unitario”.


Related Articles

“Partenariato pubblico e privato”: il canone di disponibilità va escluso dal tetto del 49% del costo complessivo dell’investimento

Nella Delibera n. 359 del 25 settembre 2019 della Corte dei conti Lombardia, viene chiesto un parere sull’interpretazione dell’art. 180,

Responsabilità: condanna di dipendenti comunali per aver effettuato pagamenti per lavori e forniture inesistenti

Corte dei conti – Sezione giurisdizionale regionale della Basilicata – Sentenza n. 186 del 26 novembre 2012 Oggetto Condanna di

Appalti: disciplina sull’informativa prefettizia antimafia

Nella Sentenza n. 3539 del 15 luglio 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici rilevano che la disciplina in tema

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.