Versamento somme agli Uffici provinciali dell’Agenzia delle Entrate: estesi anche al Modello “F24EP” i codici-tributo recentemente istituiti

Versamento somme agli Uffici provinciali dell’Agenzia delle Entrate: estesi anche al Modello “F24EP” i codici-tributo recentemente istituiti

I codici-tributo per il versamento delle somme da corrispondere agli Uffici provinciali-Territorio dell’Agenzia delle Entrate, istituiti dalla recente Risoluzione n. 79/E del 30 giugno 2017 sono stati estesi, oltre che al Modello “F24 Elide”, anche al Modello “F24 Enti pubblici” (“F24EP”).

A stabilirlo è stata l’Amministrazione finanziaria con la Risoluzione n. 94/E del 19 luglio 2017.

Gli Enti pubblici potranno dunque avvalersi di questi codici per il pagamento di Imposte, Tasse ipotecarie, Tributi speciali catastali e relativi accessori, interessi e sanzioni amministrative e ogni altro corrispettivo dovuto agli Uffici provinciali-Territorio, connesso al rilascio di certificati, copie e attestazioni, estrazione dati e riproduzioni cartografiche, nonché alla presentazione di atti di aggiornamento delle iscrizioni nei catasti e all’anagrafe tributaria presso gli uffici medesimi.

Riportiamo qui di seguito l’elenco dei codici-tributo e le relative istruzioni di compilazione:

  • T89T” denominato “Rimborsi spese dovuti per operazioni effettuate presso gli sportelli degli Uffici Provinciali – Territorio”;
    • T90T” titolato “Rimborsi spese per rilascio mappe e planimetrie su supporto informatico”;
    • T91T” denominato “Imposta di bollo dovuta in relazione alle operazioni effettuate presso gli sportelli degli Uffici Provinciali – Territorio”;
    • T92T” definito “Imposta ipotecaria dovuta per la presentazione delle formalità ipotecarie presso i reparti di pubblicità immobiliare e relativi interessi”;
    • T93T” denominato “Tasse ipotecarie dovute per la presentazione delle formalità ipotecarie, nonché per la richiesta di certificazioni e copie di atti e relativi interessi”;
    • T94T” denominato “Sanzioni per ravvedimento operoso correlate alla ritardata presentazione delle formalità nei Registri immobiliari”;
    • T95T” definito “Vendita mappe”;
    • T96T” rubricato “Rimborsi spese per verifiche straordinarie”;
    • T97T” denominato “Recupero spese per volture catastali fatte dall’Ufficio”;
    • T98T” definito “Tributi speciali catastali dovuti per gli adempimenti connessi all’aggiornamento dei catasti e dell’anagrafe tributaria, nonché per la richiesta di certificazioni, copie ed estratti catastali e relativi interessi”;
    • T99T” chiamato “Sanzioni per ravvedimento operoso correlate alla ritardata presentazione degli atti di aggiornamento catastale”.

In sede di compilazione del Modello “F24EP” sono indicati:

– nella Sezione “Contribuente”, il codice fiscale e la denominazione dell’Ente che effettua il versamento;

– nella Sezione “Dettaglio versamento”:

  • nel campo “Codice Ufficio”, il codice dell’Ufficio provinciale-Territorio presso cui è effettuata l’operazione per la quale è dovuto il pagamento. L’Elenco dei codici di tali Uffici è pubblicato sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate agenziaentrate.gov.it;
  • nel campo “codice atto”, nessun valore;
  • nel campo “tipo”, la lettera “R”;
  • nel campo “elementi identificativi”, nessun valore;
  • nel campo “codice”, il codice-tributo;
  • nel campo “anno di riferimento”, l’anno a cui si riferisce l’operazione per la quale è dovuto il pagamento, nel formato “AAAA”;
  • nel campo “importi a debito versati”, gli importi da versare.

Related Articles

Rapporto Fisco-contribuenti: emanato il Decreto che disciplina l’adempimento collaborativo

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 148 del 27 giugno 2016, il Decreto Mef 15 giugno 2016 recante “Interpello per

Anagrafe tributaria: le novità in materia di semplificazione e contrasto all’evasione al centro di un’Audizione del Direttore Orlandi

Fatturazione elettronica, “Anagrafe nazionale della popolazione residente”, progetto “@e.bollo”, Modelli “730” precompilati: sono solo alcuni dei temi che sono stati

Sicurezza: al via l’Osservatorio contro gli atti intimidatori nei confronti degli Amministratori pubblici

Con il Comunicato 24 febbraio 2016, il Viminale ha annunciato il varo di un Osservatorio permanente sul fenomeno degli atti