Via Mattarella con presidenzialismo, bufera su Berlusconi

Via Mattarella con presidenzialismo, bufera su Berlusconi

(Adnkronos) – Nel giorno della presentazione dei simboli e dei programmi elettorali al Viminale, in vista delle elezioni politiche 2022 in programma il 25 settembre – mentre ancora i rappresentanti dei partiti fanno la fila per la consegna – Silvio Berlusconi si prende la scena, tirando in ballo il nome di Mattarella ed evocando possibili dimissioni del capo dello Stato in caso di approvazione del presidenzialismo. Parole che scatenano reazioni durissime da parte di leader politici come Letta, Conte, Di Maio, Calenda, ma anche dei vertici delle istituzioni, come la terza carica dello Stato, Roberto Fico. “Il presidenzialismo esalta la democrazia”, dice poco dopo le 8 Berlusconi, ospite di Radio Capital.  

“Se entrasse in vigore il presidenzialismo – afferma il leader azzurro, sollecitato sul nome del capo dello Stato – Mattarella dovrebbe dimettersi, poi magari potrebbe essere eletto di nuovo”. “Una mia candidatura? Mah, restiamo alle cose attuali…”, conclude. Non senza aver smentito nuovamente di puntare alla guida di Palazzo Madama, al posto di Casellati. Da quel momento parte il fuoco sul Cavaliere, con toni durissimi. A poco serve la precisazione dello stesso Berlusconi che derubrica le sue affermazioni a spiegazioni sul presidenzialismo, assicurando di non aver “voluto attaccare Mattarella, né di averne chiesto le dimissioni”. 

Il primo a replicare al Cavaliere è Enrico Letta. “Il fatto che il centrodestra inizi la sua campagna con un attacco a Mattarella e la richiesta di dimissioni dimostra che la destra è pericolosa per il Paese – dice il leader dem – Se oggi c’è un punto di unità nel Paese è Mattarella e ora dopo aver fatto cadere Draghi vogliono far cadere Mattarella”. Poi una nota a nome Pd rincara la dose: “Berlusconi vuole cacciare Mattarella, destra eversiva e pericolosa”. Intanto prova a stemperare la polemica Ignazio La Russa, braccio destro di Giorgia Meloni, da sempre in prima fila per la riforma in senso presidenzialista dello Stato, voluta da Fdi al terzo punto del programma (con la semplice indicazione “Elezione diretta del Presidente della Repubblica”).  

La Russa invita a “non minare il percorso per il presidenzialismo, poi – afferma all’AdnKronos – si pensa a tutto il resto, ora serve evitare gli ostacoli”, dice, non senza aggiungere di “capire e apprezzare il concetto in generale” espresso dal leader azzurro, avvertendo che “il vero problema è arrivarci al presidenzialismo, tutto il resto passa in secondo ordine”. Uno stop and go, che denota un certo imbarazzo per la mossa del Cavaliere, che alza troppo la tensione sulla principale riforma chiesta da Giorgia Meloni.  

Meloni che sul tema si limita a ribadire come quella del presidenzialismo “è una riforma seria, che diventa anche un tema economico” perché “la totale assenza di continuità è anche un problema per gli investitori”.  

Nel frattempo il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, parla di “parole inquietanti” da parte di Berlusconi, tornando ad ammettere di aver sbagliato quando chiese l’impeachment per Mattarella. Il presidente del M5S, Giuseppe Conte, teme che la destra voglia arrivare a una spartizione del potere, “con Meloni premier, Salvini al Viminale, e Berlusconi al Colle”. “La destra getta la maschera – dice – ma noi non permetteremo che pieghino le Istituzioni”. Carlo Calenda si affida a un tweet. “Berlusconi non va eletto, non è più in sé”, dice tranchant.  

Allineate a difesa del Quirinale le due ministre ex Fi, Mariastella Gelmini e Mara Carfagna, che chiedono di tenere fuori dalla polemica il Colle, con la titolare degli Affari regionali che ricorda pure come Mattarella sia stato “eletto al Quirinale suo malgrado, anche con il voto di chi oggi sostiene il presidenzialismo”. 

Roberto Fico, presidente della Camera, scrive: “La nostra è una Repubblica parlamentare. Il nostro Presidente della Repubblica ha un mandato della durata di sette anni. Qualcuno se ne dovrebbe fare una ragione e non trascinare le istituzioni nella campagna elettorale”.  

 


Related Articles

Inflazione, vacanze “più care da 50 anni”: i conti del Codacons

(Adnkronos) – Le vacanze estive del 2022 saranno ricordate come le più care degli ultimi 50 anni. Lo afferma il

Covid oggi Italia, bollettino Protezione Civile e contagi regioni 18 dicembre

Il bollettino con i numeri Covid in Italia oggi, sabato 18 dicembre 2021, dati e news della Protezione Civile e

Covid oggi Puglia, 281 contagi e nessun morto: bollettino 12 agosto

Sono 281 i nuovi contagi da coronavirus oggi 12 agosto in Puglia, secondo i dati dell’ultimo bollettino. Non si registrano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.