Welfare: al via i Questionari di Palazzo Chigi per individuare le buone pratiche dei Comuni in materia di Politiche per la famiglia

Welfare: al via i Questionari di Palazzo Chigi per individuare le buone pratiche dei Comuni in materia di Politiche per la famiglia

Il Dipartimento per le Politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in collaborazione con Anci e con il contributo tecnico-scientifico dell’Istituto degli Innocenti di Firenze, ha lanciato la quarta edizione della ricognizione delle buone pratiche sui servizi e sugli interventi attivati nei Comuni in materia di Politiche della famiglia (attività a favore dell’infanzia, della natalità, delle famiglie e delle responsabilità genitoriali, sviluppo dei Centri per le famiglie).

Con un Avviso pubblicato il 18 giugno 2020 sul proprio sito istituzionale, l’Associazione nazionale dei Comuni italiani ha esortato le Amministrazioni a dare il proprio contributo, compilando l’apposito Questionario  online, composto da 38 domande, entro il 30 settembre 2020.

Le buone pratiche oggetto della rilevazione si inseriscono nelle seguenti macro-aree:

  • attività a favore delle famiglie e delle responsabilità genitoriali;
  • attività per lo sviluppo dei Centri per le famiglie e dei Consultori familiari;
  • attività a favore della natalità e dell’infanzia.

Nel caso delle Unioni di Comuni, di Ambiti e Distretti sociali o di altre forme locali di gestione unitaria dei servizi, sarà il Comune capofila quello chiamato a farsi carico della rilevazione.

Una volta elaborati, i dati andranno a integrare e completare la banca-dati del Dipartimento per le Politiche della famiglia, che consentirà di dare visibilità alle buone pratiche dei territori.


Related Articles

Determinazioni dirigenziali: l’efficacia non è condizionata dai tempi di pubblicazione all’Albo pretorio dell’Ente

Nella Sentenza n. 515 del 3 febbraio 2015 del Consiglio di Stato, i Giudici accolgono il ricorso nei confronti della

“Covid-19”: le indicazioni di Anac per lo svolgimento degli appalti nel periodo di emergenza

Con una serie di Comunicati e Delibere, pubblicati sul proprio sito istituzionale, Anac è scesa ufficialmente in campo per offrire

Somme indebitamente erogate ai dipendenti: il recupero deve essere al netto delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali

Nella Delibera n. 120 del 24 settembre 2015 della Corte dei conti Umbria, la Sezione si esprime in ordine alla

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.