Bilancio di previsione 2018: arriva l’accordo sulla proroga al 31 marzo 2018 per Comuni, Province e Città metropolitane

Bilancio di previsione 2018: arriva l’accordo sulla proroga al 31 marzo 2018 per Comuni, Province e Città metropolitane

La Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali, nel corso della seduta straordinaria del 7 febbraio 2018, ha espresso parere favorevole alla proroga al 31 marzo 2018 del termine per la deliberazione del bilancio di previsione di Comuni, Province e Città metropolitane per l’anno 2018.

La scadenza era già stata preventivamente prorogata al 28 febbraio 2018 dal Decreto del Ministero dell’Interno datato 29 novembre 2017 e pubblicato sulla G.U. n. 285 del 6 dicembre 2017.

Nel corso della seduta è arrivato anche il “via libera” alla distribuzione di spazi finanziari tra i Comuni per interventi relativi all’edilizia scolastica e agli impianti sportivi.

Tra le Province e le Città metropolitane sono state ripartiti i contributi per finanziare i programmi straordinari della rete viaria previsti dalla “Legge di bilancio 2018”.

Sono stati, infine, assegnati i contributi di cui all’art. 1, comma 838 e 843, della Legge n. 2015/2017 destinati, nell’ordine, alle le Province delle Regioni a statuto ordinario e alle Province che, alla data del 30 novembre 2017, hanno deliberato, presentato o conseguito la “Procedura di riequilibrio finanziario pluriennale” o risultano in dissesto.

 


Related Articles

Personale Enti Locali: il quadro dei limiti e dei vincoli assunzionali per l’anno 2018

Gli Enti Locali sono assoggettati, da oltre un decennio, al rispetto di particolari condizioni, limiti e vincoli in materia di

Riqualificazione periferia: a giorni in G.U. il bando che stanzia 500 milioni di Euro

Ammontano a 500 milioni di Euro le risorse che saranno a breve rese disponibili attraverso il bando relativo agli interventi

Residenza per anziani non autosufficienti: nessuno scomputo sugli oneri di urbanizzazione in caso di ricovero gratuito per i non abbienti

Nella Delibera n. 41 dell’11 maggio 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, il quesito posto riguarda la possibilità