Accertamento catastale: obbligo di motivazione in merito agli elementi che incidono sul diverso classamento della singola unità immobiliare

Accertamento catastale: obbligo di motivazione in merito agli elementi che incidono sul diverso classamento della singola unità immobiliare

Nella Sentenza n. 28586 del 6 novembre 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che, in tema di estimo catastale, il nuovo classamento adottato ai sensi dell’art. 1, comma 335, della Legge n. 311/2004, soddisfa l’obbligo di motivazione se, oltre a contenere il riferimento ai parametri di legge generali, quali il significativo scostamento del rapporto tra il valore di mercato ed il valore catastale rispetto all’analogo rapporto sussistente nell’insieme delle microzone comunali, ed ai provvedimenti amministrativi su cui si fonda, consente al contribuente di evincere gli elementi, che non possono prescindere da quelli indicati dall’art. 8 del Dpr. n. 138/1998 (quali la qualità urbana del contesto nel quale l’immobile è inserito, la qualità ambientale della zona di mercato in cui l’unità è situata, le caratteristiche edilizie del fabbricato e della singola unità immobiliare), che in concreto hanno inciso sul diverso classamento, ponendolo in condizione di conoscere ex ante le ragioni specifiche che giustificano il singolo provvedimento di cui è destinatario, seppure inserito in un’operazione di riclassificazione a carattere diffuso.


Related Articles

Liquidazione periodica trimestrale Iva: come contabilizzare la quota di interessi maturati?

Il testo del quesito: “Con riferimento alla liquidazione periodica trimestrale Iva si chiede un parere sulle modalità di contabilizzazione della

Opposizione di terzo: il Tar Napoli fa il punto sui presupposti di ammissibilità

Nella Sentenza 402 del 24 gennaio 2019 del Tar Napoli, i Giudici rilevano che è inammissibile l’opposizione di terzo proposta

Iva su project financing: confermata la rilevanza Iva delle somme erogate a garanzia dell’equilibrio economico e finanziario della gestione

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 211 del 13 luglio 2020, ha fornito chiarimenti in ordine

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.