Accertamento definito mediante adesione: non è modificabile né impugnabile

Accertamento definito mediante adesione: non è modificabile né impugnabile

Nell’Ordinanza n. 14553 del 13 luglio 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici statuiscono che quando l’istanza di adesione abbia avuto buon esito, nel senso che il concordato si sia concluso, l’accertamento così definito diventa intoccabile, tanto da parte del contribuente, che non può più impugnarlo, quanto da parte dell’ufficio, che non può integrarlo o modificarlo, come prescrive l’art. 2, comma 3, del Dlgs. n. 218/97. Pertanto, la Suprema Corte afferma che, una volta definito l’accertamento con adesione, mediante la fissazione anche del quantum debeatur, al contribuente non resta che eseguire l’accordo, versando quanto da esso risulta. Essendo normativamente esclusa la possibilità d’impugnare simile accordo e, a maggior ragione, quella d’impugnare l’atto impositivo oggetto della transazione, il quale conserva efficacia, ma solo a garanzia del fisco, finché non sia stata perfezionata la procedura, ossia non sia stata interamente eseguita l’obbligazione scaturente dal concordato.

Ordinanza n. 14553 del 13 luglio 2015 – Corte di Cassazione

 


Related Articles

Imposta di soggiorno: qualifica di “Località turistica” o “Città d’arte”

Nella Sentenza n. 2525 del 17 dicembre 2020 del Tar Milano, i Giudici osservano che l’art. 4 del Dlgs. n.

Ici/Imu: esenzione per fabbricato in costruzione che sarà poi destinato a scuola dalla Provincia

  Nella Sentenza n. 17011 del 9 luglio 2015 della Ctp. Napoli, i Giudici hanno rilevato che, ai sensi dell’art.

Tributi locali: incremento delle aliquote in sede di salvaguardia degli equilibri di bilancio per i soli Tributi esclusi dal blocco degli aumenti

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Mef-Dipartimento delle Finanze, la Risoluzione 29 maggio 2017, n. 1/DF, avente ad oggetto “Art.