Affidamento delle attività incentivate ad Uffici interni di un Comune: il punto della Corte Basilicata

Affidamento delle attività incentivate ad Uffici interni di un Comune: il punto della Corte Basilicata

Nella Delibera n. 22 del 20 aprile 2017 della Corte dei conti Basilicata, viene chiesto un parere riguardante l’affidamento agli Uffici interni di un Comune delle attività incentivate a norma dell’art. 93, del Dlgs. n. 163/06, ed in particolare sui seguenti aspetti:

  1. se la disciplina regolante l’incentivo è quella vigente al momento in cui l’opera è stata inserita nei documenti di programmazione, indipendentemente dal momento in cui le prestazioni incentivate vengono in concreto poste in essere;
  2. se, in subordine, in caso di opere già approvate e in corso di realizzazione, debbano continuare ad essere applicate le disposizioni normative vigenti al
Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Incarichi senza copertura: responsabilità del Sindaco o del Dirigente

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 26657 del 18 dicembre 2014, osserva che il divieto, per i Comuni,

Trasferimenti erariali: nuove modalità di riscossione dei contributi dovuti dagli Enti Locali all’Aran

L’Agenzia per la Rappresentanza negoziale delle Pubbliche Amministrazioni (Aran) e il Ministero dell’Interno hanno fornito, con un Comunicato congiunto diffuso

“Fondo salario accessorio”: risorse provenienti da razionalizzazione della spesa non rientrano nei vincoli solo a certe condizioni

Nella Delibera n. 34 del 7 dicembre 2016 della Corte dei conti Autonomie,viene chiesto se il limite di spesa previsto