Affidamento delle attività incentivate ad Uffici interni di un Comune: il punto della Corte Basilicata

Affidamento delle attività incentivate ad Uffici interni di un Comune: il punto della Corte Basilicata

Nella Delibera n. 22 del 20 aprile 2017 della Corte dei conti Basilicata, viene chiesto un parere riguardante l’affidamento agli Uffici interni di un Comune delle attività incentivate a norma dell’art. 93, del Dlgs. n. 163/06, ed in particolare sui seguenti aspetti:

  1. se la disciplina regolante l’incentivo è quella vigente al momento in cui l’opera è stata inserita nei documenti di programmazione, indipendentemente dal momento in cui le prestazioni incentivate vengono in concreto poste in essere;
  2. se, in subordine, in caso di opere già approvate e in corso di realizzazione, debbano continuare ad essere applicate le disposizioni normative vigenti al
Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Ici: l’esenzione ex art. 7, comma 1, del Dlgs. n. 504/92 non opera in caso di utilizzo indiretto dell’immobile da parte dell’Ente proprietario

Nell’Ordinanza n. 6320 del 14 marzo 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame ha ad oggetto l’atto

Commissione Ue: le previsioni economiche d’inverno prevedono per il Pil italiano un rialzo del 3,4%, “Next Generation EU” escluso

Il Pil italiano, la cui contrazione per l’anno scorso è stata – stando all’Istat – pari all’8,8%, dovrebbe risalire nel

Personale Enti Locali: apertura sulle assunzioni a tempo indeterminato

Nella Delibera n. 324 del 12 ottobre 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha posto un quesito in