Affidamento gestione Impianti sportivi: necessario un confronto concorrenziale

Affidamento gestione Impianti sportivi: necessario un confronto concorrenziale

Nella Delibera n. 713 del 28 giugno 2016, l’Anac ritiene non conforme all’art. 30 del Dlgs. n. 163/06 la procedura seguita da un Comune per l’affidamento della gestione dell’Impianto sportivo. In particolare, l’Anac statuisce che l’affidamento a terzi della gestione di un Impianto sportivo comunale deve essere inquadrato nella concessione di pubblico servizio.

L’art. 90, comma 25, della Legge n. 289/02, pur mostrando il favor del Legislatore per l’affidamento degli Impianti sportivi ai soggetti operanti nel Settore dello Sport, non consente tuttavia un affidamento diretto degli stessi ma, in conformità alle norme ed ai principi derivanti dal Trattato, dispone che occorre procedere ad un confronto concorrenziale tra i soggetti indicati nella stessa disposizione normativa. Un confronto concorrenziale che deve essere effettuato nel rispetto delle disposizioni di cui all’art. 30 del Dlgs. n. 163/06, posto che la gestione degli Impianti sportivi è qualificabile come concessione di servizi.

 


Related Articles

Contratti di “partenariato pubblico-privato”: possono essere considerati “irrilevanti” ai fini del bilancio dell’Ente pubblico

Nella Delibera n. 43 del 7 giugno 2019 della Corte dei conti Basilicata, viene chiesto un parere sulla corretta individuazione

Società “in house”: responsabilità degli Amministratori per spese che superano quanto autorizzato dal Comune azionista e concedente

Nella Sentenza n. 364 del 4 dicembre 2017 della Corte dei conti Lazio, vengono convenuti in giudizio il Presidente e

“Fatture semplificate”: in G.U. il Decreto che innalza da 100 a 400 Euro il limite per l’emissione

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 120 del 24 maggio 2019 il Decreto Mef 10 maggio 2019, recante “Innalzamento a