Agevolazioni “prima casa”: non spettano se la collocazione urbanistica è quella di “villa con giardino”

Agevolazioni “prima casa”: non spettano se la collocazione urbanistica è quella di “villa con giardino”

Nella Sentenza n. 13312 del 28 giugno 2016, la Corte di Cassazione afferma che, in tema di benefici fiscali per l’acquisto della “prima casa”, l’immobile sito in zona qualificata dallo strumento urbanistico comunale come destinata a “ville con giardino” deve essere ritenuto abitazione di lusso, ai sensi dell’art. 1 del Dm. 2 agosto 1969, indipendentemente da una valutazione delle sue caratteristiche intrinseche costruttive, rilevando, non già le caratteristiche di lusso intrinseche all’edificio qualificato come “villa”, bensì la collocazione urbanistica, la quale costituisce indice di particolare prestigio, e risulta quindi caratteristica idonea, di per sé, a qualificare l’immobile come “di lusso”. Dunque, la Suprema Corte afferma che, al fine di stabilire la spettanza o meno dell’agevolazione de qua, occorre fare riferimento alla nozione di abitazione “non di lusso” vigente al momento dell’acquisto, e non a quello della costruzione, principio che risponde ad evidenti criteri di ragionevolezza e di equità contributiva.

Quindi, ai fini dell’agevolazione sull’acquisto della “prima casa”, rileva il momento dell’acquisto dell’immobile e non quello della sua costruzione. La Suprema Corte precisa anche che la collocazione urbanistica dell’immobile costituisce un indice di particolare prestigio della costruzione.


Related Articles

Processo tributario: irrilevanza della incompletezza della rubrica del ricorso

Nella Sentenza n. 26866 del 18 dicembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che l’erronea o incompleta indicazione,

Incentivi Imu-Tari: riconoscibili solo in caso di approvazione del bilancio nei termini ordinari

Nella Delibera n. 46 del 23 aprile 2020 della Corte dei conti Toscana, un Sindaco ha chiesto un parere sull’interpretazione

Il Comune non può revocare la gestione “in house” del Servizio integrato rifiuti in quanto è competente la Provincia

Tar Liguria – Sezione II – Sentenza 20 novembre 2019 n. 884 Deve essere annullato, in quanto realizza nella sostanza