Alienazione del patrimonio immobiliare: prelievo forzoso

Nella Delibera n. 136 del 28 maggio 2015 della Corte dei conti Marche, un Comune chiede un parere in ordine alla corretta interpretazione della disciplina recata dall’art. 56-bis, comma 11, del Dl. n. 69/13, convertito con modificazioni dalla Legge n. 68/13 e, segnatamente, in ordine alla riconducibilità nell’ambito di applicazione della anzidetta disposizione delle entrate rivenienti dall’alienazione di un bene immobile pervenuto all’Ente in forza di un atto di donazione modale finalizzata alla ristrutturazione di una casa di riposo gestita dal Comune. La stessa Amministrazione ha peraltro prospettato una propria ricostruzione, evidenziando come, in ragione del vincolo di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Processo tributario: pubblicata la “Carta dei servizi delle Commissioni tributarie”

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento delle Finanze, ha reso disponibile sul proprio sito istituzionale, in data 25

Unioni civili: per la Corte Costituzionale la scelta di un cognome comune non modifica la scheda anagrafica individuale

La funzione del “cognome comune”, scelto dalle parti una unione civile come cognome d’uso senza valenza anagrafica, non determina alcuna

Dipendente pubblico assegnato allo svolgimento di mansioni superiori: gli spettano differenza stipendiale ed emolumenti accessori

Nella Sentenza n. 13579 del 4 luglio 2016, la Corte di Cassazione statuisce che nel pubblico impiego privatizzato il divieto