Alienazione del patrimonio immobiliare: prelievo forzoso

Nella Delibera n. 136 del 28 maggio 2015 della Corte dei conti Marche, un Comune chiede un parere in ordine alla corretta interpretazione della disciplina recata dall’art. 56-bis, comma 11, del Dl. n. 69/13, convertito con modificazioni dalla Legge n. 68/13 e, segnatamente, in ordine alla riconducibilità nell’ambito di applicazione della anzidetta disposizione delle entrate rivenienti dall’alienazione di un bene immobile pervenuto all’Ente in forza di un atto di donazione modale finalizzata alla ristrutturazione di una casa di riposo gestita dal Comune. La stessa Amministrazione ha peraltro prospettato una propria ricostruzione, evidenziando come, in ragione del vincolo di

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Nuove assunzioni: utilizzo dei residui ancora disponibili

Corte dei conti Toscana, Delibera n. 396 del 6 ottobre 2015 Un Comune ha chiesto un parere sulla corretta interpretazione

Aziende pubbliche e private: emanato il Dm. con le istruzioni per l’invio del rapporto biennale sulle pari opportunità

È stato pubblicato sulla G.U. n. 114 del 18 maggio 2018 il Comunicato del Ministero del Lavoro e delle Politiche

Atti impositivi: in caso di decesso del contribuente, noto all’Ufficio, devono essere notificati agli eredi nel loro domicilio fiscale

Nella Sentenza n. 10553 del 4 giugno 2020 della Corte di Cassazione i Giudici di legittimità affermano che, nell’ipotesi di