Alterazione della presenza in servizio: truffa aggravata

Alterazione della presenza in servizio: truffa aggravata

Nella Sentenza n. 41426 del 25 settembre 2018 della Corte di Cassazione, la falsa attestazione del pubblico dipendente circa la presenza in Ufficio riportata sui cartellini marcatempo è condotta fraudolenta, idonea oggettivamente ad indurre in errore l’Amministrazione di appartenenza in merito alla presenza sul luogo di lavoro, ed è dunque suscettibile di integrare il reato di truffa aggravata. Nel caso di specie, alcuni dipendenti di un Comune hanno timbrato i cartellini marcatempo con modalità tali da attestare falsamente la loro presenza in Ufficio. La Suprema Corte rileva che non è configurabile il reato di cui all’art. 479 del Cp., ma neppure quello di cui all’art. 483 del Cp., posto che il problema non è la qualità dell’Agente, pubblico ufficiale o privato, ma la natura del cartellino marcatempo, che i Giudici di legittimità precisano non essere atto pubblico. Dunque, i dipendenti in questione hanno commesso il reato di truffa aggravata ai danni del Comune ma non hanno realizzato un falso in atto pubblico.


Related Articles

Assunzioni a tempo determinato: “via libera” in caso di progetti in campo sociale approvati e finanziati con fondi regionali/statali

  Nella Delibera n. 56 del 21 settembre 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere

Mancata indicazione dei costi per la manodopera: inapplicabile il “soccorso istruttorio”

Nella Sentenza n. 3079 dell’8 maggio 2018 del Tar Campania, la questione controversa in esame riguarda l’ammissibilità del beneficio del

Istat: pubblicato l’aggiornamento dell’Indice sul costo della vita a febbraio 2018

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 75 del 30 marzo 2018 il Comunicato dell’Istat contenente l’aggiornamento al mese di febbraio

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.