Alterazione della presenza in servizio: truffa aggravata

Alterazione della presenza in servizio: truffa aggravata

Nella Sentenza n. 41426 del 25 settembre 2018 della Corte di Cassazione, la falsa attestazione del pubblico dipendente circa la presenza in Ufficio riportata sui cartellini marcatempo è condotta fraudolenta, idonea oggettivamente ad indurre in errore l’Amministrazione di appartenenza in merito alla presenza sul luogo di lavoro, ed è dunque suscettibile di integrare il reato di truffa aggravata. Nel caso di specie, alcuni dipendenti di un Comune hanno timbrato i cartellini marcatempo con modalità tali da attestare falsamente la loro presenza in Ufficio. La Suprema Corte rileva che non è configurabile il reato di cui all’art. 479 del Cp., ma neppure quello di cui all’art. 483 del Cp., posto che il problema non è la qualità dell’Agente, pubblico ufficiale o privato, ma la natura del cartellino marcatempo, che i Giudici di legittimità precisano non essere atto pubblico. Dunque, i dipendenti in questione hanno commesso il reato di truffa aggravata ai danni del Comune ma non hanno realizzato un falso in atto pubblico.


Related Articles

Risparmi di spesa dati da pensionamenti: possibile usarli per incrementare l’orario di lavoro dei dipendenti part time

Nella Delibera n. 51 del 15 dicembre 2016 della Corte dei conti Basilicata, un Comune chiede se i risparmi di

Principio onnicomprensività retribuzione dipendenti pubblici: non esclude compensi incentivanti per gli atti di pianificazione

Nella Delibera n. 55 del 3 agosto 2017 della Corte dei conti Friuli Venezia Giulia, viene chiesto un parere in

Trasparenza: ultimi giorni disponibili per usare l’applicativo per gli adempimenti introdotti dalla “Legge Anticorruzione”

L’Autorità nazionale Anticorruzione ha reso noto, in data 30 gennaio 2015, che per agevolare gli adempimenti di cui all’art. 1,

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.