Amministrazioni provinciali: “no” al conferimento di un incarico da Portavoce

Amministrazioni provinciali: “no” al conferimento di un incarico da Portavoce

Nella Delibera n. 201 del 13 dicembre 2016 della Corte dei conti Puglia, viene chiesto un parere sulla possibilità di procedere alla nomina del Portavoce e, in caso affermativo, come debba essere inquadrata tale figura dal punto di vista contrattuale.

La Sezione afferma che, in vigenza di divieti che, secondo l’art. 1, comma 420, lett. c), della Legge n. 190/14, ricomprendono, non solo l’instaurarsi di rapporti di lavoro a tempo indeterminato, ma anche i rapporti di lavoro a tempo determinato, l’acquisizione di personale attraverso l’istituto del comando e gli incarichi di consulenza, non sia consentito alle Amministrazioni provinciali di far ricorso alla figura del Portavoce, trattandosi in ogni caso di un incarico che assume carattere oneroso in virtù della corresponsione dell’apposita indennità prevista ai sensi dell’art. 7, comma 2 della Legge n. 150/00. Trattasi infatti di un divieto assoluto da interpretare in senso rigoroso.


Related Articles

Elenco fatture da inviare entro il 16 settembre 2017: per gli Enti Locali rilevano le fatture di vendita analogiche emesse nel primo semestre

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 88/E del 5 luglio 2017, ha fornito ulteriori chiarimenti in ordine alla trasmissione

Questionari dei Revisori sul consuntivo 2017: il quadro delle prime scadenze deliberate dalle Sezioni regionali della Corte dei conti – AGGIORNAMENTO

Per i Revisori dei conti degli Enti Locali si avvicina il termine per l’invio telematico – attraverso il Sistema “Con.Te”

Imu: immobile con la facciata vincolata ad interesse storico artistico

Nella Sentenza n. 5396 del 12 dicembre 2018 della Ctr Lombardia, una Società impugna un avviso di accertamento, notificato da