Anac: approvato l’Aggiornamento del “Piano nazionale anticorruzione”

Anac: approvato l’Aggiornamento del “Piano nazionale anticorruzione”

Il Consiglio dell’Anac ha approvato, con la Determinazione n. 12 del 28 ottobre 2015 pubblicata il 2 novembre 2015,  l’Aggiornamento per il 2015 del “Piano nazionale anticorruzione 2013-2016”. Con l’Aggiornamento l’Anac ha fornito una serie di indicazioni integrative e chiarimenti rispetto ai contenuti del “Piano nazionale anticorruzione” approvato con la Delibera n. 72 dell’11 settembre 2013.

In particolare, l’Autorità ha voluto imprimere una decisa svolta nella direzione del miglioramento della qualità dei Piani anticorruzione delle Amministrazioni Pubbliche, evidenziando che quelli fin qui adottati si sono rivelati per più aspetti gravemente carenti, soprattutto per la mancata individuazione di adeguate misure di prevenzione della corruzione, che fossero il frutto di una compiuta autoanalisi organizzativa delle Amministrazioni, alla ricerca di aree e attività più esposte al rischio di corruzione.
In attesa di un nuovo e più organico “Piano Nazionale Anticorruzione 2016-2018”, l’Anac ha segnalato alle amministrazioni la necessità di concentrarsi sulla effettiva individuazione e attuazione di misure proporzionate al rischio, coerenti con la funzionalità e l’efficienza, concrete, fattibili e verificabili, quanto ad attuazione e ad efficacia.

L’Aggiornamento è articolato in una parte generale, di ricostruzione dei limiti della esperienza pregressa e di indicazioni per una rapida correzione di rotta, e in una parte speciale, dedicata a due approfondimenti in  settori particolarmente esposti al rischio corruttivo: i contratti pubblici e la sanità. Per ciascuno di questi settori si individuano eventi rischiosi e si indicano alcune possibili misure di prevenzione.
Nel documento si opera una ricapitolazione dei soggetti tenuti all’adozione di misure anticorruzione: attraverso i Piani triennali le amministrazioni e gli enti pubblici; attraverso misure integrative di quelle adottate con il Dlgs. n. 231/01 gli enti di diritto privato in controllo pubblico.
Particolare attenzione è dedicata al ruolo e alla garanzia della posizione dei Responsabili di prevenzione della corruzione e ai loro rapporti con gli Organi di indirizzo politico amministrativo e con l’intera struttura dell’Amministrazione.

Il successo dei nuovi Piani anticorruzione, che le Amministrazioni dovranno adottare entro il 31 gennaio del 2016, continua a dipendere dalla volontà delle stesse Amministrazioni, a partire dai loro vertici politici e istituzionali, di combattere sul serio la corruzione al proprio interno.

L’Autorità, da parte sua, userà tutti i poteri e gli strumenti a disposizione, dalla vigilanza sulla qualità delle misure adottate (e sulla loro effettiva attuazione) alla collaborazione fattiva, alla formazione. A questo fine, nell’ultima parte della determinazione, sono indicati con chiarezza i doveri di attuazione delle amministrazioni, considerati come altrettanti punti di verifica, sui quali l’Autorità svolgerà con carattere prioritario la propria attività di vigilanza.


Related Articles

“Decreto fiscale 2020”: l’analisi delle novità inserite a seguito della conversione in Legge n. 157/2019

È stata pubblicata, sulla G.U. n. 301 del 24 dicembre 2019, la Legge 19 dicembre 2019 n. 157 di conversione

Invio “Scia” tramite Pec: illegittimo lo stop per allegato non visionabile se il Comune non ha segnalato il problema al mittente

Nella Sentenza n. 610 del 3 dicembre 2014 del Tar Friuli Venezia Giulia, una Società di telecomunicazioni chiede l’annullamento del

Scioglimento del Consiglio comunale: presupposti

Nella Sentenza n. 4529 del 28 settembre 2015 del Consiglio di Stato, un Sindaco e i membri del Consiglio comunale