Antenne telefonia mobile: sono da accatastare in categoria “D” e pertanto sono soggette ad Ici

Antenne telefonia mobile: sono da accatastare in categoria “D” e pertanto sono soggette ad Ici

Nella Sentenza n. 24026 del 25 novembre 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che i ripetitori di telefonia mobile devono essere classificati nella categoria “D”, in quanto trattasi di struttura stabilmente infissa al suolo, recintata, all’interno della quale è stato installato, su platea di calcestruzzo, un traliccio cui sono state fissate le antenne. Inoltre, la classificazione catastale nella categoria “D” è prevista dalla Circolare dell’Agenzia del Territorio n. 4/06, riferita alle centrali eoliche, che può essere applicata per analogia anche alle stazioni della telefonia mobile. Inoltre però – puntualizzano i Giudici – la Circolare n. 4/06 non si limita a considerare le centrali eoliche, ma fa uno specifico riferimento anche ai ripetitori e impianti similari. Pertanto, le antenne di telefonia mobile sono da accatastare in categoria “D” e quindi sono soggette ad Ici. Pertanto, nel caso di specie, l’imposizione ai fini Ici adottata dal Comune è del tutto legittima.

Corte di Cassazione – Sentenza n. 24026 del 25 novembre 2015


Related Articles

Processo tributario: delega per sottoscrizione dell’avviso di accertamento

Nell’Ordinanza n. 32833 del 13 dicembre 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che la delega per

Scuola: criteri e requisiti delle Mense biologiche

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 79 del 5 aprile 2018 il Dm. 18 dicembre 2017 del Ministero delle

Costituzione di una Società di capitali che abbia quale oggetto sociale la gestione di una Centrale idroelettrica

  Nella Delibera n. 201 dell’11 luglio 2017 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha chiesto un parere riguardante