“Anticorruzione”: la competenza per l’adozione del Piano triennale di prevenzione della Corruzione” negli Enti Locali spetta alla Giunta

 

Negli Enti Locali, il soggetto competente all’adozione del “Piano triennale di prevenzione della Corruzione” è la Giunta. A chiarirlo è l’Autorità nazionale Anticorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle Amministrazioni pubbliche (Anac – ex Civit) che, a fronte delle molte richieste di parere ricevute in merito, ha deciso di chiarire questo aspetto per mezzo della Delibera n. 12 del 22 gennaio 2014.

Vista l’urgenza e l’importanza di provvedere, attesa l’imminente scadenza del termine del 31 gennaio 2014, data entro la quale deve essere adottato il ‘Piano triennale di prevenzione della Corruzione’ – si legge nella Delibera[l’Autorità] esprime l’avviso che la competenza ad adottare il ‘Piano triennale della prevenzione della Corruzione’, per quanto concerne gli Enti Locali spetta alla Giunta, anche alla luce dello stretto collegamento tra il ‘Piano triennale di prevenzione della Corruzione’ e i documenti di programmazione previsto dal ‘Piano nazionale Anticorruzione’, salvo diversa previsione adottata nell’esercizio del potere di autoregolamentazione dal singolo Ente”.

Inoltre, con Nota 27 gennaio 2014, l’Anac ha ricordato che nessuna Amministrazione deve trasmettere all’Autorità il link alla pagina in cui è pubblicato il “Programma per la trasparenza e l’integrità” e che “esclusivamente le Amministrazioni statali e gli Enti pubblici nazionali provvederanno al caricamento dei Programmi triennali sul Portale della trasparenza a partire dal 10 febbraio 2014. Per quanto concerne la compilazione delle schede disponibili negli Allegati 3 e 4 della Delibera n. 50/2013, essa è differita a una data che l’Autorità si riserva di definire successivamente”.


Tags assigned to this article:
Anticorruzione

Related Articles

Spese incarichi dirigenziali: devono essere computate ai fini del rispetto del limite di cui all’art. 9, comma 28, del Dl. n. 78/10

Nella Delibera n. 176 del 24 giugno 2016 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco rivolge una serie di quesiti

Contratti decentrati integrativi: sono illegittimi se prevedono progressioni economiche orizzontali “a pioggia”

La Sentenza n. 2 del 19 gennaio 2015 della Corte dei conti Sardegna ha ad oggetto un caso di contratti

Divieto assunzione personale Province: “no” alla deroga per raggiungere quota d’obbligo relativa a collocamento “categorie protette”

Nella Delibera n. 127 del 29 giugno 2017 della Corte dei conti Piemonte, viene chiesto un parere in merito alla

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.