Appalti: no al cosiddetto “accesso civico generalizzato”

Appalti: no al cosiddetto “accesso civico generalizzato”

Nella Sentenza n. 425 del 14 gennaio 2019 del Tar Lazio, i Giudici affermano che l’istituto del cosiddetto “accesso civico generalizzato” non trova applicazione con riferimento agli “atti di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici” (secondo la formulazione utilizzata dall’art. 53, comma 1, del Dlgs. n. 50/2016). Infatti, i Giudici osservano che l’art. 5-bis, comma 3, del Dlgs. n. 33/2013, stabilisce espressamente che “il diritto di cui all’art. 5, comma 2” – ossia, come detto, il cosiddetto “accesso civico generalizzato” – è escluso, tra l’altro, nei casi “in

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Por Fesr Liguria 2014-2020”: al via i contributi a fondo perduto per ricerca e innovazione

Micro, piccole, medie e grandi imprese liguri hanno tempo fino al 30 settembre 2016 per inviare le proprie domande di

Sostenibilità consumi P.A.: adottati i criteri ambientali minimi relativi all’illuminazione pubblica

È stato pubblicato sulla G.U n. 244 del 18 ottobre 2017 (S.O. n. 49) il Decreto 27 settembre 2017 del

Dichiarazione “Irap 2022” degli Enti Locali: deve essere sottoscritta in via “ordinaria” anche dal Revisore unico o dall’Organo di revisione?

di Francesco Vegni La Dichiarazione “Irap 2022” degli Enti Locali deve essere sottoscritta, oltre che dal Rappresentante legale dell’Ente, anche

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.