Appalti pubblici: la Corte di Giustizia europea illustra le condizioni necessarie per procedere all’affidamento “in house”

Appalti pubblici: la Corte di Giustizia europea illustra le condizioni necessarie per procedere all’affidamento “in house”

Nella Sentenza C-553/15 della Corte di Giustizia europea, i Giudici si esprimono sull’affidamento di un appalto pubblico senza procedura di gara, detto affidamento “in house”.

I Giudici rilevano che nessuna disposizione del diritto italiano fissa i requisiti dell’affidamento diretto di appalti pubblici e il diritto nazionale rinvia al riguardo a quello dell’Unione.

Nell’ambito dell’applicazione della giurisprudenza della Corte in materia di affidamenti diretti degli appalti pubblici detti “in house”, i Giudici chiariscono che, al fine di stabilire se l’Ente affidatario svolga l’attività prevalente per l’Amministrazione aggiudicatrice, segnatamente per gli Enti territoriali che siano suoi soci e che lo controllino, non si deve ricomprendere in tale attività quella imposta a detto Ente da un’Amministrazione pubblica, non sua socia, a favore di Enti territoriali a loro volta non soci di detto Ente e che non esercitino su di esso alcun controllo.

Tale ultima attività deve essere considerata come un’attività svolta a favore di terzi. Al fine di stabilire se l’Ente affidatario svolga l’attività prevalente per gli Enti territoriali che siano suoi soci e che esercitino su di esso, congiuntamente, un controllo analogo a quello esercitato sui loro stessi servizi, occorre tener conto di tutte le circostanze del caso di specie, tra le quali, all’occorrenza, l’attività che il medesimo Ente affidatario abbia svolto per detti Enti territoriali prima che divenisse effettivo tale controllo congiunto.


Related Articles

Iva: aliquota agevolata del 10% sugli Interventi che, al di là dell’aspetto formale, sostanzialmente ricadono nel risanamento conservativo

Corte di Cassazione – Ordinanza 23 luglio 2021, n. 21162 L’Agenzia delle Entrate aveva notificato ad una Società un avviso

Aziende speciali: per i loro contratti non è imposta la forma scritta “ad sustantiam”

Nella Sentenza n. 20684 del 9 agosto 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che le Aziende

Rapporto del Mef su entrate tributarie: il gettito cresce dello 0,3% nel periodo gennaio-aprile 2019

Con il Comunicato n. 119 del 17 giugno 2019, il Ministero dell’Economia e delle Finanze rende noto il Rapporto sulle