Appalti pubblici: un Regolamento completamente rinnovato per l’attività di vigilanza dell’Anac

Appalti pubblici: un Regolamento completamente rinnovato per l’attività di vigilanza dell’Anac

Nell’ambito delle numerose novità seguite all’incorporazione dell’Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici in Anac si registra anche il drastico rinnovo del precedente Regolamento sulle attività di vigilanza (risalente al 4 agosto 2011), mediante nuovo atto regolatorio del 9 dicembre 2014.

I poteri di vigilanza dell’Autorità sono indicati dall’art. 6 del “Codice dei contratti”.

In particolare, essi sono così articolati:

  1. a) vigilanza sulla conformità a leggi e regolamenti nella materia degli appalti pubblici;
  2. b) vigilanza sugli appalti esclusi in tutto o in parte dalla disciplina codicistica, sulla sussistenza dei presupposti per l’esclusione e sul rispetto dei principi cui sono
Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Autonomia regionale differenziata: lo stato dell’arte su una potenziale risorsa per la finanza pubblica che non ha mai trovato attuazione

Parte I- L’ultima specie di autonomia regionale sotto un profilo istituzionale Si premette l’art. 116 della Costituzione come attualmente in

Unioni di Comuni e Comunità montane: ripartiti i contributi per i servizi di competenza statale

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale ha diffuso, con il Comunicato 18 novembre 2014, l’elenco degli importi

Recovery fund ed Enti Locali: Presidente Regione Toscana, “Elaborazione dei progetti ancora troppo centralizzata”

Il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani è intervenuto in occasione della tavola rotonda organizzata da Centro Studi Enti Locali