Appalti: spetta alla stazione appaltante valutare il rilievo di un errore compiuto dall’impresa che aspira alla stipula del contratto

Appalti: spetta alla stazione appaltante valutare il rilievo di un errore compiuto dall’impresa che aspira alla stipula del contratto

Nella Sentenza n. 5763 del 21 novembre 2014 del Consiglio di Stato, i Giudici statuiscono che spetta alla stazione appaltante la valutazione circa il rilievo dell’errore professionale compiuto dall’impresa che aspira alla stipula del contratto. Nello specifico, i Giudici osservano che l’art. 38, comma 1, lett. f), del Dlgs. n. 163/06, demanda alla stazione appaltante la valutazione circa il rilievo dell’errore professionale compiuto dall’impresa che aspira alla stipula del contratto, in modo da accertarne l’affidabilità professionale mediante un apprezzamento necessariamente discrezionale. Quindi l’Amministrazione, per poter esercitare il proprio potere, deve essere posta a conoscenza degli avvenimenti rilevanti a tale scopo. L’impresa partecipante alla gara deve dunque presentare una dichiarazione esauriente, che permetta alla Stazione appaltante una valutazione informata sulla sua affidabilità (salva la sua possibilità di impugnare l’esclusione che ritenga ingiustificata).


Tags assigned to this article:
appaltiConsiglio di Statoerrore professionale

Related Articles

Abuso di contratti a tempo da parte di un Comune: l’indennità da corrispondere al dipendente è pari ad un massimo di 12 mensilità

Nell’Ordinanza n. 17100 dell’11 luglio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono in tema di abuso

Cartelloni pubblicitari: nessuna duplicazione dei titoli autorizzatori

Nella Sentenza n. 244 del 19 gennaio 2017 del Consiglio di Stato, oggetto della controversia è un’Ordinanza con la quale

Appalti: una prima applicazione delle recenti novità dell’art. 38 del Dlgs. n. 163/06

Non costituisce una irregolarità essenziale, in quanto tale meritevole di sanzione ai sensi del “nuovo” art. 38, comma 2-bis, Dlgs.