Appalto di servizi e concessione di servizi: differenze tra i due istituti

Appalto di servizi e concessione di servizi: differenze tra i due istituti

Nella Sentenza n. 2810 del 4 maggio 2020 del Consiglio di stato, i Giudici chiariscono che la differenza tra un appalto di servizi e una concessione di servizi risiede nel corrispettivo della fornitura di servizi, nel senso che un appalto pubblico di servizi comporta un corrispettivo che è pagato direttamente dall’Amministrazione aggiudicatrice al prestatore di servizi, mentre si è in presenza di una concessione di servizi nel momento in cui le modalità di remunerazione pattuite consistono nel diritto del prestatore di sfruttare la propria prestazione e comportano che quest’ultimo assuma il rischio legato alla gestione dei servizi in questione. In particolare, una concessione di servizi richiede che l’Amministrazione concedente/aggiudicatrice abbia trasferito integralmente o in misura significativa all’operatore privato il rischio di gestione economica connesso all’esecuzione del servizio. In altri termini, la figura della concessione è connotata dall’elemento del trasferimento all’Impresa concessionaria del rischio operativo, inteso come rischio di esposizione alle fluttuazioni di mercato che possono derivare da un rischio sul lato della domanda o sul lato dell’offerta, ossia da fattori al di fuori dalla sfera di controllo delle parti. I Giudici sottolineano che, quanto sopra affermato è, peraltro, stato recepito dall’art. 3, comma 1, lett. vv), del Dlgs. n. 50/2016, che definisce come ”concessione di servizi” un contratto a titolo oneroso stipulato per iscritto in virtù del quale una o più Stazioni appaltanti affidano a uno o più operatori economici la fornitura e la gestione di servizi diversi dall’esecuzione di lavori di cui alla lettera ll) riconoscendo a titolo di corrispettivo unicamente il diritto di gestire i servizi oggetto del contratto o tale diritto accompagnato da un prezzo, con assunzione in capo al Concessionario del rischio operativo legato alla gestione dei servizi”. Dunque, l’elemento qualificante della concessione di servizi è costituito dal trasferimento del rischio economico/operativo a carico dell’affidatario.


Related Articles

Tributi locali: i chiarimenti del Mef in merito alle nuove disposizioni sul Processo tributario telematico

È stata pubblicata sul sito web istituzionale del Mef la Circolare 4 luglio 2019 n. 1/Df, rubricata “Processo tributario telematico

Imposta di soggiorno: può finanziare i servizi pubblici locali

Nella Sentenza n. 6644 del 23 novembre 2018 del Consiglio di Stato, una Società che gestisce un albergo classificato con

Riscossione: l’individuazione del Concessionario competente segue la residenza del contribuente

Nella Sentenza n. 8049 del 29 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità si esprimono sulle regole

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.